Auto e inquinamento

Di motorpad.it Pubblicato Giovedì, 06 Ottobre 2011. nella categoria Fari Puntati

Riceviamo e pubblichiamo il Comunicato e comprendiamo, condividendo dal punto di vista generale, la posizione delle Associazioni firmatarie: Anfia, Unrae e Federato.

Auto e inquinamento
Riceviamo e pubblichiamo il Comunicato e comprendiamo, condividendo dal punto di vista generale, la posizione delle Associazioni firmatarie: Anfia, Unrae e Federato. La tutela ambientale e della salute del cittadino impone prese di posizione precise e azioni dirette e qualche volta impopolari. Comprendiamo anche che le varie associazioni di categorie, più o meno palesemente, sperano che dal blocco delle auto più vecchie venga una spinta al rinnovo del parco e quindi uno stimolo al mercato. Un’adesione, quindi, non del tutto disinteressata. Ci piace meno, molto meno, che con questa adesione di principio da parte delle suddette associazioni vengano implicitamente riconosciute all’auto colpe che non le appartengono se non in misura minima. Niente poi viene proposto o richiesto per tutelare chi, in questo modo, risulta “colpevole” di non potersi comprare un’auto nuova. Insomma pagano sempre i più deboli e in questo caso gli automobilisti più deboli. Nulla poi leggiamo, nel comunicato in questione, circa una presa di posizione contro gli annunciati blocchi totali della circolazione che già si sono dimostrati del tutto ininfluenti, dannosi per l’economia, generatori di mille problemi per i cittadini. Il Comunicato Anfia, Unrae e Federauto: Misure per la limitazione del traffico in Lombardia: una mossa positiva a tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini. ANFIA, UNRAE E FEDERAUTO accolgono con favore i provvedimenti varati dalla Regione e sottolineano la necessità di controlli adeguati per garantirne l'effettiva applicazione Roma, 5 ottobre 2011 – Nell’ambito dei provvedimenti per ridurre le emissioni in atmosfera e migliorare la qualità dell’aria, la Giunta della Regione Lombardia, in attuazione della Legge Regionale 24/2006, ha definito alcune misure di limitazione del traffico veicolare valide per tutto il territorio regionale. I provvedimenti in vigore quest’anno – in parte già validi l’inverno scorso – verranno applicati dal 15 ottobre 2011 al 15 aprile 2012, periodo durante il quale, dal Lunedì al Venerdì, dalle 7.30 alle 19.30, sarà vietata la circolazione degli autoveicoli a benzina Euro 0 e degli autoveicoli diesel Euro 0, Euro 1 ed Euro 2. Per i ciclomotori a due tempi Euro 0, i provvedimenti di limitazione progressiva già applicati negli scorsi anni vengono ora estesi a tutta la Regione, con un fermo permanente della circolazione. Il fermo permanente su tutto il territorio regionale riguarderà anche gli autobus M3 (più di 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima superiore a 5 t) del Trasporto Pubblico Locale (TPL) delle classi Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 diesel. Dallo scorso inverno, inoltre, il divieto di circolazione è valido anche per la classe Euro 2 diesel dei veicoli per trasporti specifici e per uso speciale. Nel periodo considerato vigerà anche l’obbligo di spegnimento dei motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea e dei veicoli merci nelle fasi di carico/scarico. “Non possiamo che accogliere favorevolmente l’iniziativa, – hanno commentato Eugenio Razelli - Presidente di ANFIA, Filippo Pavan Bernacchi - Presidente di FEDERAUTO, e Jacques Bousquet - Presidente di UNRAE – una mossa positiva ai fini del miglioramento della qualità dell’aria, nel rispetto dell’ambiente e a tutela della salute dei cittadini. Non dimentichiamo, infatti, che ai picchi di concentrazione atmosferica di emissioni inquinanti registrati tra il 2005 e il 2007 in almeno cinquanta zone del territorio nazionale, ha fatto seguito una procedura di infrazione avviata dalla Commissione europea nei confronti dell’Italia, per la mancata osservazione dei valori limite di PM10 imposti dalla direttiva 2008/50/CE. Affinché l’applicazione delle misure sia effettiva non si può transigere sulla serietà e sull’adeguatezza delle procedure di controllo, affidate ai soggetti che svolgono servizi di polizia stradale”.