BUON COMPLEANNO WILLYS

Di motorpad.it Pubblicato Domenica, 02 Giugno 2013. nella categoria Eventi

Compie domani 70 anni la mitica Jeep Willys.

BUON COMPLEANNO WILLYS
Compie domani 70 anni la mitica Jeep Willys. E’ nata infatti il 3 giugno del 1943 ed è subita partita per i fronti della 2° Guerra Mondiale che ha largamente contribuito a fa vincere agli eserciti alleati. Un evento assolutamente da celebrare con la dovuta importanza e se ne sono incaricati il collega Vittorio Argento, Vice Direttore del Giornale Radio Rai e Gregory Alegi, giornalista, professore universitario di Storia americana e di storia dell’aeronautica che si sono messi al volante di un esemplare originale e dopo 800 miglia percorsi in 5 giorni attraverso tre stati l’hanno riportata a Toledo dove era stata costruita.   Occasione importante anche per prendere contatto con la realtà di oggi rappresentata dal nuovo impianto della Jeep dove vengono costruite la Wrangler (l'erede diretta della Willys) e la Cherokee. Il programma prevede l'ingresso nella linea di montaggio della Wrangler e la foto con le "nipotine".... Poi una visita alla ciminiera del vecchio stabilimento Overland, (quello dove fu costruita la protagonista di questa avventura) completamente demolito, tranne - appunto - la ciminiera ora tutelata come bene culturale.   In queste ore la Willys fa bella mostra di sé nella show-room di Yark il più vecchio concessionario Jeep di Toledo, dove verrà anche assistita e controllata dai meccanici. Nel lungo viaggio non ha rivelato particolari problemi se si esclude una leggera perdita di olio dalla trasmissione forse a causa dell'uso molto intenso e all'impianto elettrico (200 km percorsi senza luci) a causa di un regolatore che caricava troppo e non dai fili.   La vecchia Jeep svolge anche un ruolo di rappresentante del nostro Paese in questo 2013 anno della cultura italiana negli Stati Uniti e per questo il viaggio é stato inserito dal Ministero degli Esteri fra le celebrazioni ed è stato sostenuto con convinzione dall’ASI nel pieno rispetto del suo ruolo istituzionale più che mai importante in questo periodo di crisi del settore automobilistico: la conservazione del patrimonio storico motoristico come fatto di cultura e di passione.