C.I.R. Rally di San Crispino

Di motorpad.it Pubblicato Lunedì, 18 Luglio 2011. nella categoria Sport

Nella meravigliosa cornice delle colline umbre, si è corso il 24° Rally San Crispino – Città di Gubbio, valido sia per il Campionato Italiano Rally, sia per il Trofeo Rally Terra.

C.I.R.<br/>Rally di San Crispino
Nella meravigliosa cornice delle colline umbre, si è corso il 24° Rally San Crispino – Città di Gubbio, valido sia per il Campionato Italiano Rally, sia per il Trofeo Rally Terra. Conclusione trionfale per Paolo Andreucci (e per la compagna Anna Andreussi) con un “triplete” da ricordare: vittoria di tappa e, con 2 gare di anticipo, primato nella classifica piloti del C.I.R. 2011 e contemporanea consegna a Peugeot del titolo Costruttori. Con questo sono quattro i titoli consecutivi per la casa francese in Italia mentre per la coppia Andreucci-Andreussi i campionati vinti sono sei, con il pilota toscano che diventa il più titolato di sempre nella storia dei rally nazionali. Da registrare un altro record per la 207 S 2000. Con questa in Umbria sono 20 i successi raccolti nel CIR, 176 le prove speciali vinte e soprattutto in cinque anni non è mai stato registrato un ritiro dalla vettura ufficiale, segno di affidabilità e di professionalità del team Racing Lions. In testa sin dalla prima prova speciale, Andreucci ha gestito il proprio vantaggio con estrema autorevolezza “stage” dopo “stage”, mentre i suoi più temibili avversari dovevano lottare contro difficoltà e sfortune di varia natura: Luca Rossetti non ha preso il via a causa di un problema fisico, Umberto Scandola ha bucato alla terza prova, perdendo oltre 5 minuti, per poi ritirarsi al termine della prima giornata di gara. Piero Longhi e Renato Travaglia, tradizionalmente competitivi su terra e ben piazzati in partenza, si sono fermati rispettivamente a causa di un problema al motore e di una foratura. L’unico competitor ad aver dato un po’ di filo da torcere al campione toscano è stato Andrea Aghini, in grado di vincere tre prove speciali con la sua Peugeot 207 S2000 che ha agguantato il secondo gradino del podio a 43” da Andreucci. Terzo un ottimo Daniele Batistini, anch’egli con Peugeot 207 S2000 della Rubicone Corse, organizzatore dell’evento. Per le due ruote motrici bene, infine, i due giovani attesi a Gubbio, ovvero Simone Campedelli e Andrea Crugnola sulle Citroën DS3 R3, rispettivamente dodicesimo e diciassettesimo al termine. L’obiettivo di passare in testa nella classifica delle 2RM è stato così raggiunto. Per quanto riguarda il Trofeo Rally Terra il successo è andato ai due livornesi Andrea Aghini e Massimiliano Cerrai che, grazie a questo risultato, salgono al comando della classifica della serie riservata agli specialisti dei fondi sterrati superando il precedente leader Mikkelsen. Classifica finale 24° Rally di San Crispino - Città di Gubbio: 1. Andreucci - Andreussi (Peugeot 207 Super 2000) in 1h28´13"2; 2. Aghini- Cerrai (Peugeot 207 Super 2000) a 43"4; 3. Batistini - Ciucci (Peugeot 207 Super 2000) a 1´22"7; 4. Perego - Pizzuti (Mini Countryman John Cooper Works) a 1´40"3; 5. Cunico - Pollet (Peugeot 207 Super 2000) a 2´11"5; 6. Trentin - De Marco (Peugeot 207 Super 2000) a 2´18"6; 7. Gianfico - Tolino (Mitsubishi Lacer Evo IX) a 3´07"3: 8. Baldacci -Biordi (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 3´14"3; 9. Pascale - Biondi (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 3´15"5: 10. Ricci -Pfister (Subaru Impreza N14) a 3´23"4 Classifica Piloti C.I.R. dopo sei prove: 1. Andreucci, punti 150; 2. Cunico, Scandola e Rossetti 63; 5. Perico 53; 6. Pisi 38; 7. Chentre 37; 8. Campedelli, 36 Classifica Costruttori C.I.R. dopo sei prove: 1. Peugeot, 240; 2. Ford, 75; 3. Abarth 67; 4. Citroën Classifiche Piloti Rally Terra dopo quattro appuntamenti: 1. Aghini 58; 2. Mikkelsen 50; 3. Batistini 45 4. Trentin, 42; 5. Dettori 30 Classifiche Costruttori Rally Terra dopo quattro appuntamenti: 1. Peugeot 80; 2. Skoda 50; 3. Ford 48; 4. Subaru 25