C.I.R. Rally Costa Smeralda

Di motorpad.it Pubblicato Martedì, 17 Maggio 2011. nella categoria Sport

La sostanza non cambia nemmeno al Costa Smeralda in Sardegna, terza prova del Campionato Italiano Rally.

La sostanza non cambia nemmeno al Costa Smeralda in Sardegna, terza prova del Campionato Italiano Rally. Nell’appuntamento più prestigioso e difficile della stagione, che si svolgeva in concomitanza con la prova del Mondiale, troviamo ancora una volta sul gradino più alto del podio Paolo Andreucci e Anna Andreussi. Hanno portato per la terza volta consecutiva alla vittoria la Peugeot 207 S2000 del team ufficiale e adesso sarà difficile cambiare le sorti di un campionato che sembra aver preso una strada tutta favorevole per il pilota toscano. Non sappiamo se la presenza delle star del WRC hanno influito sulla voglia di far bella figura ma i tempi rilevati sulle prove speciali erano davvero di primordine e sempre tra i top driver internazionali. Ci hanno provato in tanti a insidiarlo e il lotto dei partenti era davvero di primordine, visto che gli impegnativi sterrati sardi erano validi anche per il trofeo Terra con tutti gli specialisti delle strade bianche presenti. Alla fine la seconda piazza è stata ottenuta dall’equipaggio Scandola-D’Amore una delle giovani speranze del rallysmo nostrano con la Ford Fiesta S2000. Una posizione più indietro troviamo l’avversario di sempre e concorrente più accreditato per contendere il titolo, Rossetti-Chiarcossi su Abarth Grande Punto. Così se Andreucci vince sempre cambia l’inseguitore tutto a vantaggio del pilota toscano che adesso guida la classifica tricolore con l’ampio margine di 24 punti di vantaggio su Rossetti. La vera sorpresa però arriva da Simone Campedelli capace di portare la Citroën DS3 R3T al quinto posto assoluto. Non si tratta della vettura dell’extraterrestre Sébastian Loeb ma di una più piccola due ruote motrici omologata in categoria R3. Lo sterrato non è proprio il terreno ideale per una trazione anteriore, ma il romagnolo si è veramente esaltato mettendosi dietro sia le più potenti S2000 e soprattutto le gruppo N a trazione integrale. Insomma il ragazzo ci sa fare e sta ripagando nel migliore dei modi la filiale italiana di Citroën che gli ha messo in mano un mezzo davvero valido. La prossima opportunità per sfidare Andreucci è prevista alla Targa Florio in programma il 4 e 5 giugno.
C.I.R. Rally<br/>Costa Smeralda