ENI Gas&Power

Di motorpad.it Pubblicato Giovedì, 06 Dicembre 2012. nella categoria MotorShow di Bologna 2012

Intervista ad Angelo Zaccari Direttore Mercato Italia Eni Gas&Power Sempre più a 360° l’impegno di Eni nel settore dell’Automotive.

ENI Gas&Power
Intervista ad Angelo Zaccari  Direttore Mercato Italia Eni Gas&Power   Sempre più a 360° l’impegno di Eni nel settore dell’Automotive. Ai carburanti classici che conosciamo si aggiunge ora il metano. Come mai una scelta di questo tipo? AZ) Non è una scelta di oggi perché Eni da sempre è impegnata nella diffusione dell’uso del metano per autotrazione, credendo nelle potenzialità di questo carburante per un  trasporto eco-sostenibile. E’ un impegno, non soltanto un obiettivo, quello che stiamo portando avanti nel mondo del metano, essendo Eni un’Azienda di riferimento in questo contesto. Come si sviluppa la rete? E’ altrettanto diffusa come quella dei normali carburanti? Che programmi avete? AZ) Purtroppo no. Attualmente in Italia ci sono circa 930 distributori che ancora non garantiscono una copertura totale. Noi abbiamo 60 impianti di proprietà ed Eni ha predisposto un piano di investimento che prevede,  entro il 2020, almeno il raddoppio degli attuali 60 impianti di erogazione a metano che consentirà agli utenti  di utilizzare i nostri servizi e le nostre commodities in tutta Italia. Quali sono i vantaggi reali che apporta il metano? AZ) I vantaggi sono molteplici: dal punto di vista economico, solo per fare un esempio pratico, oggi volendo compiere un viaggio da Roma a Milano, coprendo una distanza di 580 Km, con un’auto a benzina, si spendono circa 60 euro, mentre utilizzando un’auto a metano, solo 24 euro. Dal punto di vista ambientale, inoltre, il metano è un combustibile ad emissioni pari quasi allo zero e quindi altamente sostenibile. E’ un carburante sicuro il metano? AZ) Assolutamente al pari degli altri combustibili. Le moderne tecnologie garantiscono la sicurezza come per tutti gli altri carburanti liquidi. Immagino che lei nella sua posizione dialoghi con le istituzioni. Che tipo di attenzione e di atteggiamento riscontra verso il metano? AZ) Eni è coinvolta in tavoli di lavoro riguardanti l’adeguamento delle normative italiane con quelle europee che regolano il settore del metano per autotrazione, attraverso, per esempio,  la possibilità di estendere il self service 24h oppure il rifornimento multi-dispenser accanto a benzina e gasolio. Sulla normativa ci sono ancora molti passi in avanti da compiere, ed Eni è in prima linea su questo fronte. Le Amministrazioni locali come si dispongono nei confronti del metano? AZ) Sono molto disponibili perché il metano garantisce gli stessi ritorni ed adeguati risparmi. Indubbiamente vi sono dei limiti a quella che è la capacità di investimento, in nuovi autobus e mezzi di trasporto a metano, anche se le Amministrazioni Locali, da questo punto di vista, dovrebbero dare il buon esempio, ma ci rendiamo conto della situazione economica generale.