FIAT 500L

Di motorpad.it Pubblicato Mercoledì, 04 Luglio 2012. nella categoria Secondo noi

La 500L si presenta a Torino oggi - 4 luglio 2012 - ai primi giudizi degli addetti ai lavori con uno slogan di forte e attualissima valenza internazionale - Cool&Capable - che ha il dono della sintesi nel fotografare con efficacia le qualità del nuovo prodotto.

FIAT 500L
La 500L si presenta a Torino oggi - 4 luglio 2012 - ai primi giudizi degli addetti ai lavori con uno slogan di forte e attualissima valenza internazionale - Cool&Capable - che ha il dono della sintesi nel fotografare con efficacia le qualità del nuovo prodotto.   Che si mette in moto rispettando anche la  scaramanzia dei numeri e dei luoghi portafortuna se è vero che 55 anni fa, a Torino (e dove se no?) nasceva la Fiat 500 di Dante Giacosa e che sempre il 4 luglio di 5 anni fa, ancora a Torino nasceva la Nuova 500. C’è ancora chi possa dubitare che  questo inimitabile modello sia ormai avviato alla carriera autonoma di un vero e proprio brand autonomo? Alla 500L viene affidata l’importante missione di portare Fiat a competere tra le monovolume compatte e lo fa sulla base di uno stile e di una funzionalità tale da imporre presto nuove gerarchie nello specifico settore. La lettera “L” significa in particolare “Large” chiaro riferimento ad una disponibilità di spazio straordinariamente vasta in rapporto agli ingombri contenuti in 4,15 mt in lunghezza, 1,78 in larghezza e 1,66 in altezza; c’è anche un bagagliaio di 400 dmc utili, ma anche la possibilità di usufruire della funzione Fold&Trumble per ricavare un abbattimento completo dei sedili e ottenere una vano di carico completamente piatto. Incredibile, ma vero, sono 1.500 le configurazioni possibili dello spazio interno. Inoltre nel bagagliaio è presente anche il Cargo Magic Space che può essere regolato su tre livelli per tenere convenientemente separati i vari carichi.   Sono tre i motori disponbili, due a benzina, (0.9 TwinAir bicilindrico evoluto da 105 CV e 1.4 litri da 95 CV) e un turbodiesel (1.3 Multijet 2 da 85 CV). Arriverà in seguito una versione a metano sul Turbo TwinAir per ottimizzare ulteriormente il rispetto ambientale e i costi di gestione. Nell’allestimento interno al 500L si concede, nei quatto livelli previsti, (Pop, Pop Star, Easy e Lounge), non poche digressioni nei segmenti superiori del mercato. Di serie o a richiesta dispone infatti anche del touch screen da 5”, del sistema multimediale Uconnect di Fiat 500L, uno dei più grandi della categoria, da cui è possibile gestire tutti i principali contenuti media presenti sulla vettura come radio, telefono cellulare, mediaplayer, i-Pod o smartphone, tutto rigorosamente senza fili, e in un prossimo futuro la navigazione integrata. Si potrà  inoltre usare  numerose  App sul sistema di bordo in modo da essere sempre in contatto su Facebook e Twitter oppure essere aggiornato in tempo reale sul traffico, sulle news e sul meteo. Con eco:Drive la 500L diventa poi LIVE, ovvero permette di ricevere in tempo reale feedback sul proprio stile di guida consentendo così miglioramenti immediati di consumi ed emissioni. Inoltre, è possibile salvare i dati di ogni viaggio su penna USB e smartphone compatibili: analizzando i risultati su Pc e ricevendo lezioni di guida personalizzate, è possibile raggiungere una riduzione delle emissioni fino al 16%. Disegnata dal Centro Stile Fiat ispirandosi al tema del cab forward, la 500L punta a consentire ottima visibilità esterna e gran luminosità interna e questo grazie ad una vetratura in pratica a 360°; l’abitacolo è reso estremamente luminoso anche dal tetto in vetro più grande della categoria - 1,5 metri quadri - disponibile in due versioni:  tetto elettrico o Skydome. E per gli incontentabili? C’è una linea accessori e di personalizzazione enciclopedica che arriva ad un sistema audio da sala da concerto e a una macchina per il caffé (sic) realizzata apposta da Lavazza. Così George Clooney impara. Ricordiamo infine che la 500L è prodotta nello stabilimento di Kragujevac (Serbia) realizzato con un investimento di più di un miliardo di euro e con una capacità di 700 vetture/giorno.  La commercializzazione è programmata per settembre con un listino che partirà da 15.550 euro. L'INTERVENTO DI SERGIO MARCHIONNE I dati del mercato di giugno e del primo semestre dell’anno non potevano non provocare una serie di considerazioni e di interventi da parte di Sergio Marchionne. Gli hanno anche fornito l’occasione di tornare su un tema che è al centro dei suoi interessi ormai da molto tempo anche nella veste di presidente dei costruttori europei, ovvero la sovraccapacità produttiva dei costruttori europei di auto (e di veicoli commerciali e industriali) in rapporto alla crisi del settore. Difficilmente contestabili, sul freddo piano delle cifre e, purtroppo, delle prospettive a corto e medio termine, le dichiarazioni rilasciate in occasione del lancio della nuova 500L “con questi dati non possiamo reggere e così Fiat ha un impianto di troppo”. Inevitabili le polemiche e le prese di posizione alle quali Marchionne ha, in un certo senso, risposto preventivamente; da un lato confermando gli investimenti programmati in Italia, e dall’altro aprendo, una volta di più gli orizzonti internazionali del Gruppo. Si spiega così, nel primo caso, la fugace presentazione, in immagine, del nuovo SUV che sarà prodotto a Mirafiori nel 2013 e, nel secondo, ribadendo la necessità di mettere in atto ogni sforzo per riuscire ad indirizzare il massimo possibile della produzione sul più ricettivo mercato americano dove, ad esempio, Chrysler miete successi a ripetizione. Resta il fatto che per produrre per l’America è indispensabile, per Marchionne, "…avere la tranquillità, altro che discutere su 145 dipendenti in più o in meno”.  Cioè quegli iscritti alla Fiom che la recente sentenza del Tribunale vorrebbe fossero reintegrati a Pomigliano.