FIAT PANDA

Di motorpad.it Pubblicato Mercoledì, 14 Settembre 2011. nella categoria Salone di Francoforte 2011

Rischiava di essere prodotta in Polonia, ma poi la difficile trattativa tra Fiat, Sindacati e Governo si è risolta, come è noto, a favore dell’impianto di Pomigliano e ora la nuova Panda esordisce ufficialmente a Francoforte e continua la sua vita lunga ormai 31 anni con l’invidiabile patrimonio di 6,5 milioni di unità prodotte nelle generazioni che si sono succedute.

FIAT PANDA
Rischiava di essere prodotta in Polonia, ma poi la difficile trattativa tra Fiat, Sindacati e Governo si è risolta, come è noto, a favore dell’impianto di Pomigliano e ora la nuova Panda esordisce ufficialmente a Francoforte e continua la sua vita lunga ormai 31 anni con l’invidiabile patrimonio di 6,5 milioni di unità prodotte nelle generazioni che si sono succedute. Lunga 3,65 metri, larga 1,64 e alta 1,55, la Panda 2011 conferma in pieno la filosofia della massima funzionalità che ha fatto la fortuna del modello e che si riassume in una linea compatta di grande simpatia, sempre al servizio della massima funzionalità e del più razionale sfruttamento dello spazio interno dove trovano confortevole accoglienza anche cinque persone con un bagagliaio di buona capienza. Il disegno di carrozzeria, solo a cinque porte, si è fatto più moderno e arrotondato e notevoli progressi sono percepibili nell’allestimento e, a seconda delle versioni e delle motorizzazioni, nella qualità complessiva dei materiali, delle lavorazioni e della completezza delle dotazioni. Colpisce l’architettura della plancia davvero polifunzionale con alcuni dettagli che richiamano la Panda delle origini, ma con elementi di grande modernità specie per quanto riguarda la strumentazione, i comandi, i controlli, le informazioni al pilota, il collegamento con il mondo esterno. Il confort deve molto anche alla struttura sottile dei sedili. L’offerta dei motori si incentra sui nuovi bicilindrici TwinAir Turbo di 900 cc da 85 CV e aspirato da 65 CV dotati di sistema Start&Stop. Seguono il 1.200 cc Fire da 69 CV e il 1.300 cc Multijet II da 75 CV sempre con Start&Stop di serie. Il programma si completerà con le motorizzazioni bifuel 900 cc TwinAir Turbo Natural Power da 80 CV (benzina/metano) e 1.200 cc EasyPower da 69 CV (benzina/GPL) che confermano l’impegno di Fiat Automobiles alle tematiche ambientali. Al pilota viene offerto anche il Gear Shift Indicator (GSI) che suggerisce quando effettuare il cambio marcia per ottimizzare l’uso del propulsore e ridurre i consumi. Il cambio automatico robotizzato Dual Logic arriverà in un seconco momento e non mancherà infine la versione 4x4 Per la sicurezza sono disponibili 4 airbag, Abs completo di Brake Assist System, proiettori anteriori con funzione “luce diurna” (Daytime Running Lights) e, a richiesta, la frenata automatica se a velocità inferiore a 30 km/h si presentano ostacoli a distanza ravvicinata.