Formula 1 GP dell'India

Di motorpad.it Pubblicato Lunedì, 31 Ottobre 2011. nella categoria Sport

Sbarcando per la prima volta nella sua storia in India, il Mondiale di Formula 1 è arrivato sulla pista di Graeter Noida (nei dintorni di Nuova Delhi) con tutti i verdetti principali già emessi con Vettel bi-campione del mondo e la Red Bull con il titolo per costruttori.

Formula 1<br/>GP dell'India
Sbarcando per la prima volta nella sua storia in India, il Mondiale di Formula 1 è arrivato sulla pista di Graeter Noida (nei dintorni di Nuova Delhi) con tutti i verdetti principali già emessi con Vettel bi-campione del mondo e la Red Bull con il titolo per costruttori. Nessun stimolo speciale, quindi, per la gara in sé, ma non per uno squalo come Vettel che ha messo tutti in riga fin dallo scatto alla partenza: semafori spenti e ….ci rivediamo al traguardo per la conta dei nuovi record di questa straordinaria stagione. Cominciamo dalla gara che si è chiusa con il “grande slam”, ovvero pole position, giro veloce (proprio all’ultima tornata quando il compagno Webber sembrava inattaccabile), tutta la gara in testa e quindi vittoria trionfale. A proposito di giri in testa nel corso di un campionato sono ormai cancellati i 693 messi in fila da Mansell e per il tedeschino ci sono ancora due GP a disposizione. Poi si contano, ad oggi, le 28 pole position che pareggiano per ora quelle conquistate in carriera da un certo Manuel Fangio (e scusate se è poco), ne manca quindi una sola per raggiungere sempre Mansell nelle 14 che ha totalizzato nel 1992. Quanto alla vittorie siamo a quota 21 di cui 11 in questa stagione e qui a tremare e nientemeno che Schumacher che ne ha totalizzato 13 nel 2004. Tutto il resto, weekend indiano, è noia o, se preferite, normalità assoluta. Alonso ha salvato l’onore della Ferrari difendendo con le unghie e con i denti il terzo posto davanti a Webber e dietro a Button che ha confermato il suo stato di grazia di questi tempi e il secondo posto in gara e nella classifica generale. Infine non è mancato lo show di Massa e Hamilton che continuano a voler correre “vicini vicini”. Troppo vicini. Li aspettiamo con ansia tra due settimane ad Abu Dabi. Classifica GP India: 1. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault 60 giri 2. Jenson Button - McLaren-Mercedes a 8"4 3. Fernando Alonso - Ferrari a 24"3 4. Mark Webber - Red Bull-Renault a 25"5 5. Michael Schumacher - Mercedes a 1'05"4 6. Nico Rosberg - Mercedes a 1'06"8 7. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes a 1'24"1 8. Jaime Alguersuari - Toro Rosso-Ferrari a 1 giro 9. Adrian Sutil - Force India-Mercedes a 1 giro 10. Sergio Perez - Sauber-Ferrari a 1 giro 11. Vitaly Petrov - Lotus Renault a 1 giro 12. Bruno Senna - Lotus Renault a 1 giro 13. Paul di Resta - Force India-Mercedes a 1 giro 14. Heikki Kovalainen - Team Lotus-Renault a 2 giri 15. Rubens Barrichello - Williams-Cosworth a 2 giri 16. Jerome d'Ambrosio - Virgin-Cosworth a 3 giri 17. Narain Karthikeyan - HRT-Cosworth a 3 giri 18. Daniel Ricciardo - HRT-Cosworth a 3 giri 19. Jarno Trulli - Team Lotus-Renault a 5 giri Giro più veloce: il 60° di Vettel in 1'27"249 Classifica piloti: 1. Vettel 374 2. Button 240 3. Alonso 227 4. Webber 221 5. Hamilton 202 6. Massa 98 7. Rosberg 75 8. Schumacher 70 9. Petrov 36 10. Heidfeld 34 11. Sutil 30 12. Kobayashi 27 13. Alguersuari 26 14. Di Resta 21 15. Buemi 15 16. Perez 14 17. Barrichello 4 18. Senna 2 19. Maldonado 1. Classifica Costruttori 1. Red Bull-Renault 595 2. McLaren-Mercedes 442 3. Ferrari 325 4. Mercedes 145 5. Lotus Renault 72 6. Force India-Mercedes 51 7. Toro Rosso-Ferrari e Sauber-Ferrari 41 9. Williams-Cosworth 5.