MAZDA MX-5 CULT

Di motorpad.it Pubblicato Mercoledì, 22 Maggio 2013. nella categoria Secondo noi

Un caso di sopravvivenza unico nel panorama automobilistico mondiale quello della Mazda MX-5 nota anche con il nome giapponese di “Miata”.

MAZDA MX-5 CULT
Un caso di sopravvivenza unico nel panorama automobilistico mondiale quello della Mazda MX-5 nota anche con il nome giapponese di “Miata”. Va però precisato subito che la parola “sopravvivenza” è valida unicamente in termini temporali in quanto il modello in questione è stato lanciato nell’ormai lontano 1989 frutto di geniale intuizione dello stilista Tom Matano ed è tuttora in produzione praticamente identico nelle linee e nella filosofia che ne hanno determinato il successo in tutto il mondo.   Successo che naturalmente è stato accompagnato dalla evoluzione tecnica che, da questo punto di vista, ha continuamente attualizzato questa roadster/coupé per la quale è quindi giusto parlare di incredibile “vitalità”. Quando apparve gli inglesi, che di vetture aperte se ne intendono, la definirono “la più inglese degli spider giapponesi” e da allora ha messo in fila un incredibile elenco di riconoscimenti internazionali, circa 160, cosa che ne hanno fatto uno dei modelli in assoluto più premiati al mondo ed è stata prodotta ormai in circa un milione di esemplari; cosa che per un’auto di questo tipo è sicuramente un altro record.   Venendo però alla strettissima attualità la MX-5 ha talmente contribuito alla notorietà della marca ed alla sua immagine da indurre un tipo difficile quanto mai nelle sue scelte come Sergio Marchionne, ma altrettanto quanto mai oculato, a stringere una particolare alleanza con Mazda proprio per produrre in comune la nuova spider che nascerà sulla base - e con le singole specifiche di marca, ovviamente, e con il marchio Alfa Romeo per il gruppo torinese - della nuova generazione della MX-5 e che sarà assemblata in Giappone. Un riconoscimento di grande importanza che va al di là del valore commerciale, industriale e tecnico.   Mazda del resto offre, e non solo per questo progetto, tutte le garanzie necessarie che partono da una capacità produttiva di oltre 1.200.000 vetture all’anno, da un patrimonio di tecnologie di assoluto valore e originalità (il motore Wankel, il costate sviluppo sull’alimentazione a idrogeno con la RX-8, la Skyactiv Tecnology) che colloca sicuramente la marca nel salotto buono dei costruttori che si distinguono dai più poderosi gruppi generalisti.   Tutte buone ragioni dunque, tornando alla MX-5, per valorizzare questo patrimonio con l’ultima generazione giustamente battezzata “Cult” che si distingue per alcune specificità: - interni in pelle color tabacco, - capote in tela dello stesso colore, - navigatore touch screen da 5.8” - radio CD, MP3, Bluetooth, Aux in, USB - pannello centrale, Fashion bar e razze volante in finitura Dark Silver - maniglie cromate - due colori esclusivi, Meteor Grey e Brillant Black, per la Roadster e Stormy Blue per la Roadster Coupé (con tetto rigido retrattile elettricamente)   Restano confermati il motore 1.800 cc da 126 CV accoppiato al classico cambio manuale a leva corta per innesti rapidissimi e sportivi; un complemento essenziale per la maneggevolezza, la brillantezza dinamica e il piacere di guida di questa trazione posteriore (come si addice alle sportive di razza) campionessa mondiale di longevità e simpatia.   L’incremento di valore e di contenuti non ha modificato il listino: “5.750 euro per la Roadster e 27.750 per la Roadster Coupé.