MCLAREN P1

Di motorpad.it Pubblicato Mercoledì, 27 Febbraio 2013. nella categoria Salone di Ginevra 2013

Sarà la McLaren P1 o l'erede della Ferrari Enzo la regina del salone dell’Auto di Ginevra?La sfida tra il team inglese e la Scuderia di Maranello è iniziato da qualche tempo e sugli stand della rassegna svizzera ci sarà l’atto finale.

MCLAREN P1
Sarà la McLaren P1 o l'erede della Ferrari Enzo la regina del salone dell’Auto di Ginevra? La sfida tra il team inglese e la Scuderia di Maranello è iniziato da qualche tempo e sugli stand della rassegna svizzera ci sarà l’atto finale. Intanto da Woking continuano ad arrivare indiscrezioni ed anticipazioni, oltre alle nuove foto che, dopo il classico Orange di casa, ci propongono la supercar britannica in un inedito giallo brillante.   Nell’attesa gustiamoci la scheda tecnica basata sul V8 di 3,8 litri biturbo, derivato da quello montato sulla 12C ma profondamente modificato e trasformato con l’inserimento di un motore elettrico in ibrido per arrivare all’incredibile potenza di 916 CV e 900 Nm. Le prestazioni sono: meno di 3 secondi per arrivare a 100 km/h, lo step successivo dei 200 km/h si tocca stando sotto i 7 secondi e a 300 km/h servono 17 secondi!  La velocità massima è autolimitata elettronicamente a 350 km/h. Se a qualcuno interessa le emissioni di CO2 sono, stando alle dichiarazioni della casa, inferiori ai 200 gr/km, un record possibile per la presenza dell’unità elettrica. Questa ricarica le batterie nella fase di frenata e rilascio e permette alla P1 di muoversi per un massimo di 20 km ad emissioni zero ad una velocità massima di 50 km/h. Direttamente dalla F1 due comandi che si trovano sul volante, il DRS (Drag Reduction System) un tasto azzurro posto a sinistra che lavora sull’incidenza dell’alettone posteriore per migliorare il flusso dell’aria e l’IPAS (Instant Power Assist System) un tasto rosso posto a destra. Questo lavora come il KERS delle monoposto e scarica i 179 CV del motore elettrico per un surplus di potenza. Inoltre l’alettone si  può muovere  all’indietro fino a 30 cm quando si è in pista e fino a 12 cm quando si guida in strada e arrivare a generare un carico aerodinamico di 600 kg, valori da auto da competizione, praticamente gli stessi della versione GT3 della 12C. Nella scheda tecnica, oltre alla monoscocca in carbonio troviamo pneumatici Pirelli PZero Corsa sviluppati appositamente dal produttore italiano e freni carboceramici della Akebono, lo stesso fornitore del team di Formula 1, più leggeri e resistenti al calore. Saranno solo 375 le P1 prodotte, per mantenere ancora più esclusiva la vettura che sarà in vendita con un prezzo base di 866.000 sterline a cui aggiungere le personalizzazioni che verranno scelte dal proprietario attraverso le proposte presentate dal team della McLaren Special Operations.