MERCEDES CLASSE S

Di motorpad.it Pubblicato Martedì, 21 Maggio 2013. nella categoria Fari Puntati

Capita fin troppo spesso, al lancio di qualche nuovo modello, di sentirlo definire come quello che, da quel momento, diventerà  “il punto di riferimento per la categoria di appartenenza”.

MERCEDES CLASSE S
Capita fin troppo spesso, al lancio di qualche nuovo modello, di sentirlo definire come quello che, da quel momento, diventerà  “il punto di riferimento per la categoria di appartenenza”. Quello in sostanza cui la concorrenza dovrà guardare per reggere il confronto. Alla presentazione della nuova Mercedes Classe S, il rituale si è puntualmente ripetuto e con affermazioni di certo prive di sfumature secondo le quali l’ultima generazione dell’ammiraglia della Casa sarà “…una pietra miliare non solo per noi, ma per il mondo dell’auto” e ancora “… volevamo fare il meglio o niente”.   Un impegno che a Stoccarda hanno preso tremendamente sul serio concentrando su questa vettura di alto prestigio tutto il capitale di tradizioni, conoscenze, tecnologie d’avanguardia e innovazioni della Marca e ponendosi davvero in testa al gruppo dei costruttori di prodotti “Premium” nell’accezione più completa del termine. Con una promessa altrettanto e forse ancora più importante: che le conquiste di cui oggi gode questa nuova Classe S, per definizione esclusiva e riservata ad una clientela particolarmente esigente, saranno progressivamente messe a disposizione di ogni modello Mercedes a prescindere dal segmento di appartenenza.   Vediamo allora le principali novità che entrano in scena a partire da un affinamento stilistico che coinvolge la linea filante e aerodinamica con un Cx di 0,24 che scenderà a 0,23 sulla versione ibrida già in programma per il prossimo anno. Strutturalmente è significativo un risparmio di peso di circa 100 kg frutto della filosofia costruttiva “Lighweigth engineering” e del largo ricorso all’alluminio con il risultato di ottenere anche un aumento del 50% sulla rigidità torsionale; cosa che ha notevoli e positivi effetti anche sulla dinamica di marcia oltre che sui consumi e, quindi, sulle emissioni.   Sull’allestimento interno e sulle dotazioni fa testo un “dossier presse” che impegna un vero e proprio volume di taglio enciclopedico per descrivere dotazioni, funzioni e dispostivi, ma che non può descrivere come si apprezza dal vero la qualità dei materiali, la maniacale attenzione ai dettagli e l’offerta di quanto di meglio e di più avanzato è oggi disponibile per l’assistenza alla guida, il confort, l’infointrattenimento e la sicurezza.   Capitolo ovviamente importantissimo quest’ultimo che sulla Classe S si avvale di 20 nuovi sistemi brevettati (sono in totale 660 in questo settore quelli che Mercedes ha registrato nel solo 2012) e tra questi stupisce il dispositivo integrato di sei sensori e sei telecamere che libera addirittura il pilota dalla noia di guidare in mezzo al traffico e fino ad una velocità di 60 km/h; l’auto fa tutto da sola in piena autonomia rendendo quanto mai realistica l’abusata definizione di “salotto viaggiante”. E di salotto veramente si tratta se le poltrone dispongono della funzione Stone Massage, se l’abitacolo può essere illuminato in sette diverse tonalità e con quattro differenti profumazioni.   Una delle telecamere si incarica anche di monitorare le imperfezioni della strada per adeguare automaticamente e istantaneamente l’assetto della vettura consentendo di viaggiare come su un  biliardo e in totale assenza di vibrazioni, scosse e rumorosità varie o, come dicono in Mercedes, “come su un tappeto volante”. Altra importante conquista della Classe S è la totale rinuncia alle lampade ad incandescenza sostitute da 500 elementi a LED.   Tre le motorizzazioni inizialmente disponibili: la 350 BlueTEC con un turbodiesel di 3.000 cc da 258 CV e 5,5 l/100 km di consumo medio e 146 g/km di CO2, la 400 Hybrid benzina con un  3.500 cc da 306 CV e la V8 500 biturbo a benzina  da 4.700 cc da 455 CV.   Novità importanti sono attese per l’anno prossimo con l’arrivo dell’unico 4 cilindri di 2.200 cc da 204 CV per la 300 BlueTEC Hybrid e con le immancabili versioni sportive AMG. Ci sarà pure una 500 Hybrid Plug-in che promette un consumo medio di 4 l/100 km e  75 g/km di emissioni di CO2.   Lunga 5,12 mt (5,25 in versione lunga), larga 1,90 mt e alta 1,49 mt la Classe S si declina al momento in 18 versioni con prezzi che vanno da 88.500 a 136.870 euro.