RENAULT FLUENCE Z.E.

Di motorpad.it Pubblicato Giovedì, 10 Novembre 2011. nella categoria Secondo noi

Tra le marche impegnate nello sviluppo dell’alimentazione elettrica ad emissioni zero Renault si distingue per non presentare, come nella maggior parte dei casi, un solo modello, ma una vera e propria gamma completa, quasi un “brand” autonomo.

RENAULT<br/>FLUENCE Z.E.
Tra le marche impegnate nello sviluppo dell’alimentazione elettrica ad emissioni zero Renault si distingue per non presentare, come nella maggior parte dei casi, un solo modello, ma una vera e propria gamma completa, quasi un “brand” autonomo. Si compone di quattro modelli: due city car, la Twizy e la Zoe, un veicolo commerciale leggero, la Kangoo Express, e una berlina cinque posti, la Fluence. Lo scopo è quello di coprire ogni esigenza d’uso e di intercettare i bisogni di target il più possibile diversificati. La Fluence si è offerta per prima ad una prova pratica e il test si è svolto per metà nel traffico sovraccarico di Lisbona e per metà nelle più scorrevoli strade libere nei dintorni della capitale portoghese. Tutto, però, in condizioni di particolare impegno per la vettura stante la pioggia continua, i fari accesi, i tergicristalli in attività e l’aria condizionata accesa per compensare i 14/15 gradi di temperatura esterna con i 22/23 gradi interni e tenere sbrinato il lunotto. Va infine notato che al peso della vettura – 1.600 kg – va aggiunto quello di due persone a bordo e dei relativi bagagli (180 kg circa). Nella prima parte del percorso, 40 km circa, le numerose soste ai semafori hanno compensato con le decelerazioni e le frenate la maggior richiesta di energia spesa nelle ripartenze. Così è avvenuto anche nell’alternarsi di salite e discese delle strade per gli altri 45 km. Dopo 85 km si è infine presentata questa situazione: 42,5 km/h di velocità media e 35 km di autonomia residua realmente disponibile, per un totale di 120 km effettivi a fronte dei 185 indicati. Niente male, viste le premesse e comunque più che sufficienti per il percorso medio quotidiano casa-ufficio-casa o per una giornata in un centro commerciale in periferia. Discorso diverso se si deve parlare di viaggi a medio-lungo raggio per i quali si dovrà contare su due condizioni per ora ancora in via di sviluppo: un’aumentata capacità delle batterie e una maggiore diffusione della rete di punti di ricarica. A questo proposito in Renault parlano di 50.000 “colonnine” in Europa entro 3 anni. Si fa inoltre conto sul rapido diffondersi delle cariche domestiche con le opportune apparecchiature predisposte dai fornitori (Enel, A2A, ecc) che dichiarano in non più di 3 euro il costo di un “pieno” di elettricità. Garantiscono anche la continua assistenza e manutenzione – così come tutta la rete commerciale Renault – per i 5.000 cicli di ricarica che la batteria sopporta e che si traducono in 500.000 km di percorrenza anche solo calcolando con prudenza una percorrenza media di 100/km per carica. Nella guida la Fluence si è rivelata di facilità assoluta, basta non aspettarsi il rumore dal motore quando si inserisce la chiave di avviamento. Una lancetta indica che l’auto è pronta a partire semplicemente premendo il pedale dell’acceleratore. Si liberano così i 95 CV e i 226 Nm della coppia del motore elettrico per prestazioni pari a 135 km/h e ad un accelerazioni 0-100 km/h in 13”. Poi null’altro si sente se non il rotolamento degli pneumatici. Per il resto si riscontra una buona qualità complessiva e una ricca dotazione di serie per sicurezza, confort e assistenza alla guida. Un difetto? Il bagagliaio che deve cedere la metà della sua capacità al pacco delle batterie; restano circa 300 dmc utili, un po’ pochini se a bordo ci sono 4 o 5 persone ben accolte e sistemate in un veicolo che conta su 4,75 mt di lunghezza, 2,04 di larghezza (retrovisori compresi) e 1,46 di altezza. La scheda tecnica riguarda un motore elettrico da 70 kW/95 CV e 226 Nm di coppia con batterie al litio da 22 kWh che richiedono 6/8 ore di ricarica nella modalità standard 220V -16A. Tra i vantaggi della Fluence va ricordata la possibilità di circolare nei giorni di blocco della circolazione o nei centri storici chiusi o con accesso a pagamento e il ridotto costo di manutenzione. Il prezzo è infine fissato in 28.200 euro nel solo allestimento Dynamique proposto, più il costo del noleggio delle batterie pari a 82 euro al mese per 36 mesi e 10,000 km/anno.