Cupra Ateca, il SUV medio diventa sportivo

15 nov 2018 Paolo Pirovano
Cupra Ateca, il SUV medio diventa sportivo

All’interno del segmento dei SUV medi si sta sviluppando una nuova tendenza, quella della caratterizzazione sportiva come nel caso della Cupra Ateca. Il test drive è stato anche l’occasione per la presentazione ufficiale del brand che diventa indipendente da Seat con una struttura ed organizzazione dedicata con il compito di rivedere i modelli della casa spagnola per identificarli a livello prestazionale, aggiungendo la giusta dose di eleganza e sofisticazione.

Il primo modello di questo nuovo corso è appunto la Ateca, (prima era già stata presentata la Leon ancora sotto le vesti Seat), che viene sviluppata partendo dal cuore pulsante il quattro cilindri due litri turbo da 300 CV e 400 Nm di coppia (disponibile da 2000 a 5200 g/min), accoppiato alla trazione integrale 4Drive e al cambio DSG a sette rapporti. Tutte dotazioni che arrivano dal grande magazzino di esperienze del Gruppo Volkswagen.

Per migliorare la tenuta di strada e sfruttare al meglio le doti del propulsore, è stato rivisto l’assetto abbassandolo di 1 cm mentre il telaio prevede di serie le sospensioni adattative Dynamic Chassis Control. Inoltre sono disponibili 5 modalità di guida attraverso il Driver Profile: Comfort, Sport, Individual, Snow, Offroad e Cupra. Con quest’ultima selezione si attiva il Launch Control in grado di spingere la Ateca a raggiungere lo scatto dei 100 km/h in soli 5,2 secondi mentre la velocità massima è di 247 kmh. A completamento della scheda tecnica troviamo i freni Brembo da 340 mm all’anteriore e da 310 al posteriore, i cerchi da 19 pollici con disegni specifici e pnematici da 245/40. Rispetto alla versione da cui deriva, non variano le misure rispettivamente di 4,38 mt di lunghezza per 1,84 di larghezza e 1,61 di altezza.

Passando al design la personalizzazione in chiave Cupra si nota nel frontale con la mascherina a nido d’ape, nei fari Full Led, i paraurti esclusivi del modello con quello posteriore che racchiude i quattro terminali di scarico. All’interno è il cruscotto digitale a dominare l’abitacolo con lo schermo centrale touch screen da 8 pollici che oltre alle informazioni sulla navigazione gestisce l’infotainment a bordo con i protocolli Apple CarPlay e Android Auto.

Alla guida la Cupra Ateca mostra due anime ben distinte con un giusto compromesso tra sportività e versatilità. Alle velocità di crociera e nel traffico cittadino si muove con disinvoltura senza mettere troppo in evidenza i cavalli sotto il cofano. Appena si trovano strade libere, come il tratto chiuso alla circolazione su un percorso collinare nei dintorni di Barcellona, ecco che tutte le doti dinamiche si fanno apprezzare. Il rollio ed il beccheggio sono molto contenuti grazie al lavoro delle sospensioni che sono state sviluppate con il prezioso contributo di Jordi Gene, pilota spagnolo di grande esperienza e dal curriculum ricco di successi. La trazione integrale si rivela molto utile nella gestione dell’avantreno con lo sterzo molto preciso e solido. Molto apprezzabile la silenziosità a bordo anche nei lunghi tratti autostradali.

La Cupra Ateca è già ordinabile ad un prezzo di 44.000 euro con le consegne previste a febbraio 2019.

 

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

CR-V Hybrid, l'ibrido secondo Honda
Secondo noi

CR-V Hybrid, l'ibrido secondo Honda

06 dic 2018 Roberto Tagliabue

Dopo il lancio della versione a benzina a fine settembre, Honda presenta la CR-V ibrida che ha il difficile compito di sostituire l’eccellente versione a gasolio...

Continua
Tarraco: un passo in più per SEAT
Secondo noi

Tarraco: un passo in più per SEAT

05 dic 2018 Mariano Da Ronch

E lo è davvero, a cominciare dal nome: citare la città di Tarragona, ma in latino, la dice lunga sulle ambizioni che la Casa spagnola nutre per questo modello. Disegnata e...

Continua
Gabriele Tarquini vince il Mondiale WTCR
Sport

Gabriele Tarquini vince il Mondiale WTCR

20 nov 2018 Paolo Pirovano

Sul circuito di Macao Gabriele Tarquini si è laureato Campione Mondiale WTCR (World Touring Car Cup) della prima edizione del Mondiale per vetture Turismo della categoria...

Continua