Citroen a Rétromobile celebra i 50 anni di GS e la prima traversata del Sahara in auto

Eletta nel 1971 auto dell'anno la Citroën GS riscuote ancora un gran successo tra i collezionisti.

03 Feb 2020 Silvia Pirovano
Citroen a Rétromobile celebra i 50 anni di GS e la prima traversata del Sahara in auto

Al Salone Rétromobile 2020, in programma a Parigi dal 5 al 9 febbraio, Citroën festeggia i 50 anni di GS e celebra l’audacia della prima traversata del Sahara in automobile della storia.

Citroën GS viene presentata nel 1970 al salone di Parigi e poi eletta “Auto dell’anno” nel 1971. Dal 1970 al 1987 ne sono stati venduti 2,5 milioni di esemplari. Le ragioni di questo successo: posizionata nel cuore della gamma Citroën (4,12 m di lunghezza, 1,60 m di larghezza, 1,34 m di altezza, 900 kg di peso a vuoto), 5 posti, innovativa rispetto alle esigenze della sua epoca. La GS ha uno stile moderno e aerodinamico, un’inedita meccanica con 4 cilindri orizzontali contrapposti e uno spazio a bordo dalla grande abitabilità. A coronare il tutto, è dotata di sospensione idraulica che le conferisce un comfort e un comportamento su strada che i concorrenti non sono in grado di proporre. Altre caratteristiche la rendono un modello all’avanguardia per l’epoca: i 4 freni a disco e il volume del bagagliaio di 465 litri (710 per la versione Break). 

GS offre inoltre soluzioni originali: il freno a mano comandato da una leva posizionata al centro della plancia o il tachimetro a lettura numerica, agevolata da una lente. Con la sua linea e il suo design innovativo, insieme a eccellenti qualità su strada, GS riscuote grande successo tra i collezionisti.
Per l’anniversario di GS, la Marca presenta CitroënGS by Tristan Auer pour Les Bains, un’auto affidata all’interior designer, appassionato di restauro su misura di auto d’epoca,che l’ha modificata, personalizzandola. 

Lo spirito d’avventura della Casa francese si ritrova nell’esposizione della replica dell’autocingolato Scarabée d’Or, primo veicolo della storia che nel 1922 ha compiuto la traversata del Sahara percorrendo, all’andata, oltre 3.200 km nel deserto da Touggourt (Algeria) a Timbuctu (Mali). Inizialmente il ritorno non era stato previsto, ma per il grande successo dell’operazione e l’affidabilità dei veicoli, l’equipaggio propose di compiere anche il viaggio di rientro con gli stessi mezzi, replicando l’impresa. Oltre allo straordinario successo tecnico, dimostrato nel 1922 con gli autocingolati costruiti sulla base di Citroën B2 10 HP modello K1, questa spedizione ha il merito di aver aperto la via alle celebri Crociere Citroën (Nera, Gialla, ecc.) ma anche a vie inesplorate e riprese in seguito dalle mappe militari di tutte le nazioni.

Come negli anni precedenti, i visitatori potranno parlare con i rappresentanti dei club di collezionisti presenti sullo stand e ammirare altri modelli iconici della Marca.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Suzuki Ignis Hybrid, piccolo grande SUV
Secondo noi

Suzuki Ignis Hybrid, piccolo grande SUV

28 Jul 2020 Silvia Pirovano

Suzuki ha trasformato da poco tempo tutta la gamma facendola diventare esclusivamente ibrida. L’ultimo esempio è la Ignis, vero e proprio mini suv di segmento A che ora...

Continua
Nuova Skoda Octavia
Secondo noi

Nuova Skoda Octavia

23 Jul 2020 Paolo Pirovano

Da sessant’anni il nome Octavia è presente in Skoda e con oltre 7 milioni di unità vendute è l’auto più conosciuta e popolare della casa boema  e la quarta...

Continua
Maserati Ghibli Hybrid
Nuovi Arrivi

Maserati Ghibli Hybrid

20 Jul 2020 Paolo Pirovano

La Maserati Ghibli Hybrid apre un nuovo capitolo del marchio modenese e inaugura l’era dell’elettrificazione. Per questa tecnologia viene scelto uno dei modelli di...

Continua
Fabio Giuliani, Gruppo Bosch Italia
Intervista a

Fabio Giuliani, Gruppo Bosch Italia

20 Jul 2020 Paolo Pirovano

Facciamo un viaggio nella tecnica e nelle tecnologie che stanno accompagnando questa fase di transizione e di trasformazione del mondo dell’auto. Ci spiega questi continui...

Continua