Renault Rafale, il SUV sportivo di segmento D

07 Feb 2024 Paolo Pirovano
Renault Rafale, il SUV sportivo di segmento D

L’ingresso nel segmento D per Renault è uno degli obiettivi annunciati all’interno del piano Renaulution. Al crossover Espace si aggiunge una seconda novità, il SUV sportivo Rafale, nome che significa Raffica in italiano.
Riprende quello di un aereo, il Caudron Rafale che nel 1934, raggiunse i 445 km/h, un vero record per l’epoca, spinto da motori Renault.

Adesso è una vettura con carrozzeria fastback dal profilo dinamico e sportivo con un lungo cofano orizzontale ed un frontale scolpito, dove si nota la nuova forma della calandra e la firma luminosa inaugurata da Clio.

Lungo 4,71 metri e largo 1,86, e con un’altezza di 1,61 Rafale presenta una linea del tetto fluida e filante, che lascia spazio per la testa dei passeggeri della seconda fila, mentre il passo di 2,74 metri, assicura abitabilità interna. A conferma di questo il volume del bagagliaio pari a 530 dm3 (norma VDA).

Utilizza la piattaforma modulare CMF-CD dell'Alleanza e per le motorizzazioni punta sull’elettrificazione con due differenti proposte. La prima ad arrivare sarà la versione Full hybrid E-tech da 200 cavalli composta da un turbo benzina 3 cilindri e 1,2 litri da 130 CV da due motori elettrici. La principale unità elettrica, è alimentata da una batteria agli ioni di litio da 2 kWh/400V e fornisce la trazione elettrica mentre il motore elettrico secondario è di tipo HSG (High-voltage Starter Generator) e si occupa dell'avviamento della parte termica e del cambio marce della trasmissione con innesto a denti senza frizione.

La trasmissione automatica multimode prevede due rapporti per il motore elettrico principale e quattro per quello termico e seleziona automaticamente la modalità di funzionamento del gruppo motopropulsore.

Nel corso dell’anno si affiancherà il nuovo plug-in hybrid E-Tech 4x4 da 300 CV che prevede un altro motore elettrico sul retrotreno che azionerà le ruote, rendendo Rafale a trazione integrale e le quattro ruote motrici sono anche sterzanti con il sistema 4Control Advanced.

Il funzionamento prevede nelle curve percorse a più di 50 km/h, una micro-sterzata (fino a 1 grado) delle ruote posteriori nello stesso senso delle ruote anteriori per migliorare la stabilità dell'auto, riducendo l'inerzia del retrotreno. A bassa velocità, la sterzata delle ruote posteriori è in senso opposto (fino a 5°) e determina agilità, soprattutto in città, con un diametro di sterzata di 10,4 mt, pari a quella di una city car.

Nell’abitacolo è a disposizione il tetto panoramico Solarbay, dalle grandi dimensioni (1,47 mt x 1,1 1 mt) sviluppato da Saint-Gobain. Oscura ciascuna delle sezioni su richiesta facendo uso di campi elettrici per spostare le molecole, opacizzando così i cristalli.

La plancia è dominata dal sistema digitale OpenR composto da due display a forma di “L”,  un driver display TFT orizzontale da 321 cm² e 12,3” sul cruscotto (1.920 x 720 pixel) e un touchscreen verticale da 453 cm² e 12” al centro della consolle (1.250 x 1.562 pixel). Tra gli allestimenti la connotazione più sportiva viene offerta da Esprit Alpine che propone i sedili in pelle Alcantara  traforata affinché con la “A” a forma di freccia della parte superiore dello schienale che si illumina non appena ci si avvicina all’auto.

Per garantire un piacere di guida ottimale in assoluta tranquillità, è dotato di 32 dispositivi di assistenza alla guida (ADAS) suddivisi in tre categorie: guida, sicurezza e parcheggio.
Arriverà in concessionaria entro giugno, gli ordini si apriranno nelle prossime settimane quando verranno anche comunicati i prezzi.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Alpine A290: la piccola belva elettrica
Anteprima

Alpine A290: la piccola belva elettrica

14 Jun 2024 Roberto Tagliabue

Da quando Renault ha ripreso il marchio Alpine per produrre vetture e non solo utilizzando il nome per caratterizzare le versioni più sportive, molti si sono appassionati...

Continua