Con la Kamiq, si completa la famiglia dei SUV Skoda

18 Nov 2019 Paolo Pirovano
Con la Kamiq, si completa la famiglia dei SUV Skoda

Le lettere K e Q hanno un significato particolare per Skoda visto che sono quelle che identificano i SUV aprendo e chiudendo il nome. Dopo la Kodiaq lanciata nel 2017 e la Karoq del 2018 si completa la gamma con il terzo modello a ruote alte, la Kamiq, il primo SUV urbano compatto. Il nome proviene dalla lingua degli Inuit, una popolazione che vive nel nord del Canada e in Groenlandia, e indica qualcosa che riesce ad adattarsi a ogni situazione, come una seconda pelle.

Lungo 4,24 entra nel segmento dei B-SUV che in questo momento rappresentano il 22,4% del mercato nazionali e offre una grande abitabilità con quote da segmento superiore, sfruttando al meglio il passo di 2,65 metri e mettendo a disposizione un bagagliaio di 400 litri (che diventano 1.395 lt con i sedili posteriori abbattuti). A puro titolo d’esempio ha 1 cm in più nel passo rispetto alla sorella maggiore Karoq che però è lunga 4,38 mt. Merito della piattaforma del Gruppo Volkswagen MQB A0, la stessa già utilizzata in Skoda per la Scala ma anche per la VW Polo e T-Cross, molto flessibile e moderna ed in grado di supportare al meglio tutti i sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida.

A livello estetico la Kamiq riprende i canoni estetici della casa boema con un aspetto deciso e robusto, reso più evidente da un’altezza da terra di 18,8 cm e dai  cerchi con misure da 16 a 18 pollici a seconda degli allestimenti. Inoltre è il primo modello a disporre di fari anteriori a LED su due livelli, con le luci di marcia diurna sulla parte superiore, mentre nella versione full LED, troviamo gli indicatori di direzione dinamici anteriori e posteriori. Come tutti i nuovi modelli Skoda, sul portellone posteriore è presente il nome che sostituisce il logo.

Detto della grande spazio nell’abitacolo, la configurazione degli interni si basa sullo schermo da 8” previsto sul primo dei due allestimenti Ambition che sale a 9,2” nella Style e nella serie speciale per il mercato italiano Dark Shade. In questo caso si aggiunge anche il Virtual Cockpit da 10,25 pollici del cruscotto digitale, il Gesture Control e la cartografia europea per il navigatore con aggiornamenti online. Un sistema di scomparti portaoggetti offre 26 litri supplementari di spazio per riporre tutto il necessario per un viaggio.

Kamiq è dotato di infotainment di terza generazione, con eSIM nativa e con Smartlink+ anche wireless per la connessione dello smartphone tramite Apple CarPlay, Android Auto o MirrorLink. È gratuita per il primo anno e poi ha un costo di 60 euro. Attraverso la SIM si può accedere ai servizi dello Skoda Connect scaricando le app direttamente dalla vettura e la chiamata d’emergenza ecall è attiva per tutta la vita dell’auto. Inoltre l’assistente vocale “Laura”, che si attiva semplicemente pronunciando il nome, oltre ai semplici comandi, comprende anche frasi complete aiutando e migliorando il comfort di viaggio.

I motori sono tutti sovralimentati con due a benzina, il 1.0 TSI con potenze di 95 e 115 cavalli a cui si affianca il 1.5 TSI da 150; per i diesel il 1.6 TDI è nella versione da 115 CV e a partire da febbraio 2020 arriverà l’alimentazione a metano con il 1.0 G-TEC 90 CV per la prima volta su una Skoda. In base alla motorizzazione sono proposti cambio manuale a 5 o 6 rapporti o cambio DSG a 7 rapporti.

Al capitolo sicurezza la dotazione comprende il Lane Assistant, il Front Assistant basato su radar con funzione di frenata di emergenza city e protezione dei pedoni, la frenata anti collisione multipla e l’ACC il Cruise Control Adattativo. Tra gli optional il Side Assist, l’assistente al cambio di corsia, che monitora un’area fino a 70 metri dietro l’auto ed include il Rear Trafic Alert per le manovre in retromarcia avvertendo e frenando in caso di collisione. Si ottiene così il livello 2 di guida autonoma.

I prezzi della Kamiq partono per l’allestimento Ambition da 20.730 euro (1.0 TSI 95 CV), per la Style da 24.230 e da 26.430 per la Dark Shade (entrambe con il1.0 TSI 115 CV).

Non mancano a bordo di una Skoda le idee Simply Clever quali il sistema di protezione per il bordo delle portiere ad estrazione automatica (disponibile a richiesta), il portellone a comando elettrico con funzione Tip-To-Close e il gancio traino estraibile a sbloccaggio elettrico. Nel bagagliaio è sempre presente una torcia a LED estraibile, l’imbuto integrato nel tappo del serbatoio del liquido lavacristalli, il raschietto del ghiaccio nello sportello del serbatoio e l’ombrello nella porta lato guida.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Vadim Odinzoff, Mercedes-Benz
Intervista a

Vadim Odinzoff, Mercedes-Benz

12 Dec 2019 Paolo Pirovano

Un approfondimento sulle novità che MERCEDES sta preparando all’interno della gamma SUV in continuo rinnovamento tecnico e stilistico. La vettura in studio è la nuova GLC...

Continua
Peugeot 2008 una SUV con tre scelte di motore
Secondo noi

Peugeot 2008 una SUV con tre scelte di motore

09 Dec 2019 Paolo Pirovano

Arriverà ad inizio 2020 la nuova SUV compatta Peugeot 2008, modello completamente nuovo che si affianca all’interno del segmento B alla berlina 208 con la quale condivide...

Continua
Mercedes Classe A Sedan: la nuova Baby Benz
Secondo noi

Mercedes Classe A Sedan: la nuova Baby Benz

06 Dec 2019 Roberto Tagliabue

Nulla è per sempre: anche lo stereotipo “berlina guidata dall’anziano col cappello” potrebbe avere le ore contate. Probabilmente è uno degli spunti, tra i tanti, che...

Continua
Subaru Forester e-boxer
Secondo noi

Subaru Forester e-boxer

03 Dec 2019 Paolo Pirovano

Nata nel 1997 e costruita in oltre 3,9 milioni di unità, la Forester è sempre stata l’interpretazione Subaru nel segmento dei SUV di medie dimensioni, trasferendo...

Continua