Mercato Europeo Ottobre 2015

In positivo il mercato europeo (UE+EFTA) nel mese di ottobre e nei 10 mesi.

18 Nov 2015 motorpad.it
Mercato Europeo Ottobre 2015

Le vendite di ottobre nell’Europa allargata (EU+EFTA) registrano 1.144.109 unità (+2,7%) che portano il totale dei 10 mesi a 11.926.134 immatricolazioni (+ 8,2%): un dato che secondo il commento di ANFIA potrebbe portare il consuntivo 2015 in modo positivo a 13,7-13,9 milioni rispetto i 13 milioni del 2014.

I cinque maggiori mercati a ottobre rappresentano da soli il 72,6% del risultato con un incremento del 2,1% che nel periodo gennaio ottobre sale a +8,3%. Italia e Spagna che erano stati maggiormente alla crisi sono i paesi fanno ora segnare gli incrementi più significativi.

Nel dettaglio la situazione che si presenta a fine ottobre è la seguente:

GERMANIA 2.686.310 unità +5,1% con la motorizzazione benzina al 50,4%, quella diesel al 47,9% e quella alternativa all’1,7%. Vengono ora sottoposti a controllo da parte dell’Ufficio Federale dei Trasporti i veicoli del Gruppo VW e di altri costruttori presenti sul mercato.

FRANCIA 1.582.465 unità +5,7% con le marche estere in aumento del 9,3% con il Gruppo FCA in crescita dell’8,9%. Le auto diesel sono in calo e rappresentano il 57,4% contro il 64,3% del 2014.

SPAGNA 863.973 unità +20,5% con Fiat e Jeep rispettivamente a +26% e + 272%.

GRAN BRETAGNA 2.274.550 unità +4%: le auto diesel crescono del 2,6% e quelle ad alimentazione alternativa de 44,8%, Crescono le auto aziendali sostenute da incentivi +11,9%

ITALIA 1.330.005 unità +14,7% con una previsione di chiusura dell’anno a 1,56 milioni +14% circa sul 2014. Sono il 61,7% le auto vendute a privati, la quota più alta nei mass market

 

Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Mercato auto Europa: ad agosto ancora in calo
Economia

Mercato auto Europa: ad agosto ancora in calo

18 Sep 2020 Paolo Pirovano

Segno negativo anche nel mese di agosto per il mercato auto in Europa. Dopo il calo di luglio del -3,7%, si è registrata una contrazione più marcata del -17,6% e sommando i...

Continua