Mercato Italiano Luglio

Sono state 137.

02 Aug 2011 motorpad.it
Mercato Italiano Luglio
Sono state 137.442 (-10,7% sullo stesso mese dello scorso anno) le immatricolazioni di nuove auto registrate a luglio e, a dire della drammatica caduta del mercato, basta la semplice considerazione che per trovare un risultato mensile peggiore bisogna risalire al 1883.

Il dato peggiora se si considera l'intero periodo gennaio-luglio quando nel 2010 le vendite erano state 1.319.282 contro 1.151.146 di quest'anno, quindi con un calo del 12,7%.

Sempre nei sei mesi le immatricolazioni di auto nuove nazionali sono scese da 409.103 a 339.994 (-16,89%) con Fiat che perde il 22%, Lancia il 9,54% e Alfa che guadagna il 28,80%.
La composizione del mercato generale nei sei mesi vede pertanto la quota delle marche nazionali scendere dal 31,01% al 29,54% e quelle estere passare di conseguenza dal 68,99 al 70,46.
Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Mercato Auto Europa: crollo ad aprile
Economia

Mercato Auto Europa: crollo ad aprile

19 May 2020 Paolo Pirovano

Non poteva andare in altro modo e tutti gli effetti causati dall’emergenza Covid-19 portano in aprile un crollo delle immatricolazioni di auto dovuto alla chiusura delle...

Continua
Francesco Fontana Giusti, Renault Captur
Intervista a

Francesco Fontana Giusti, Renault Captur

08 May 2020 Paolo Pirovano

In questa intervista approfondiamo un modello che ancora non vi avevamo raccontato nei dettagli, la nuova Renault Captur, la B-SUV della casa francese che porta interessanti...

Continua
Crolla il mercato auto ad aprile!
Economia

Crolla il mercato auto ad aprile!

05 May 2020 Paolo Pirovano

Il crollo del mercato auto ad aprile era facilmente prevedibile vista la chiusura dell’intera rete di distribuzione e il blocco di tutte le attività economiche nazionali,...

Continua
Michele Crisci, Presidente UNRAE
Intervista a

Michele Crisci, Presidente UNRAE

30 Apr 2020 Paolo Pirovano

Con i nostri ospiti, in collegamento via WEB a causa delle restrizioni imposte ai movimenti per contenere il diffondersi dell’epidemia continuiamo a parlare delle novità...

Continua