AUDI Q5 HYBRID quattro

Non si fa certo trovare impreparata l’Audi con l’appuntamento dell’auto ecologica che, nel prossimo anno, vedrà un fiorire di proposte concrete di modelli di varie tipologie in questo settore.

15 Nov 2010 motorpad.it
AUDI Q5 HYBRID quattro
Non si fa certo trovare impreparata l’Audi con l’appuntamento dell’auto ecologica che, nel prossimo anno, vedrà un fiorire di proposte concrete di modelli di varie tipologie in questo settore.
Per la casa dei quattro anelli è ai nastri di partenza la Q5 Hybrid, la prima vettura ad utilizzare due motori che fungono da sistema ibrido parallelo e sono montati in successione diretta: uno a benzina, quattro cilindri, 2.0 TFSI turbocompresso e ad iniezione diretta e uno elettrico, con una potenza complessiva di 245 CV (180 kW) e una coppia di 480 Nm. I progettisti parlano di una dinamica di guida sportiva con un consumo medio inferiore a 7 litri ogni 100 km con 160 g/km di emissioni di CO2. In pratica sarebbe come disporre di un V6 con i consumi di un quattro cilindri TDI.

Questo SUV ibrido percorre, con una velocità di marcia di 60 km/h, circa 3 km a emissioni zero, oppure raggiunge una velocità massima di 100 km/h nella modalità puramente elettrica. La punta velocistica è di 222 km/h e lo scatto da 0 a 100 km/h è coperto in 7,1 secondi.
La centralina del motore integra il cosiddetto “hybrid manager”, un sistema creato da Audi per consentire un passaggio morbido ed efficiente fra le due modalità di trazione.
La trasmissione è affidata a un tiptronic a otto rapporti. La frizione ha il compito di collegare o separare il motore elettrico dal TFSI.

All’elevata efficienza energetica della Audi Q5 hybrid quattro contribuisce anche il cambio ibrido, grazie all’ampia spaziatura dei suoi otto rapporti. Quando il 2.0 TFSI è disinserito, il livello della pressione dell’olio nell’impianto idraulico è mantenuto costante da una pompa elettrica che assicura così la funzione Start&Stop.
L’impianto elettronico di potenza, collegato alla batteria e al motore elettrico tramite cavi di alta tensione è alloggiato nel serbatoio dell’acqua del vano motore. Si tratta di un inverter a pulsazioni che funge da regolatore fra la batteria, che eroga corrente continua, e il motore elettrico che funziona con corrente alternata.
Il motore elettrico del tipo sincrono a eccitazione permanente funge da motorino di avviamento e, in fase di rilascio dell’acceleratore, anche da alternatore. Sviluppa una potenza massima di 45 CV (33 kW) e una coppia di 211 Nm.
Le batterie agli ioni di litio dal peso di soli 38 kg sono collocate sotto il pianale del bagagliaio e riducono di pochissimo la capienza di quest’ultimo.

Con il suo sistema ibrido parallelo, la Audi Q5 hybrid quattro può funzionare in cinque modi diversi. Può muoversi solo con il motore a combustione, solo con quello elettrico o nella modalità ibrida; può inoltre recuperare energia e mettere in atto la funzione boost.
A vettura ferma entrambe le fonti di trazione sono disattivate. Il sistema Start&Stop confort consente al climatizzatore automatico di rimanere attivo. Non appena il conducente rilascia il pedale del freno, la Audi Q5 hybrid quattro riparte elettricamente.

La mappatura EV per la città predilige la trazione elettrica, il programma D utilizza entrambi i propulsori mirando a ottimizzare i consumi, mentre la modalità S, così come la selezione manuale delle marce del tiptronic, punta a uno stile di guida sportivo.
Al rilascio del pedale dell’acceleratore, il motore elettrico funziona da alternatore e recupera energia. La strumentazione di bordo rende chiari e percettibili i singoli stati di funzionamento del sistema di propulsione ibrida. Al posto del contagiri, è collocato il cosiddetto “powermeter”, il cui ago indica la potenza complessiva del sistema su una scala in percentuale. Una seconda scala suddivisa in segmenti colorati verdi e arancioni ha il compito di informare in modo chiaro e immediato su come la Q5 hybrid quattro stia procedendo, ovvero in che misura siano attive la propulsione elettrica e quella a combustione. Il livello di carica della batteria è visualizzato da uno strumento aggiuntivo.

La trazione integrale permanente quattro trasferisce sulla strada le forze di entrambi i motori in modo sicuro in ogni situazione. In condizioni normali essa presenta caratteristiche sportive che privilegiano il retrotreno, ma all’occorrenza sposta il grosso delle forze sull’asse con la trazione migliore. L’autotelaio elaborato consta di molti componenti in alluminio che ne riducono il peso e questo contribuisce a contenere i consumi.
Gli allestimenti e le dotazioni di assistenza alla guida, confort, sicurezza, intrattenimento e collegamento con il mondo esterno replicano fedelmente quelle della Q5 quattro “normale” nel suo elevatissimo livello di qualità e completezza.
Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Mercedes GLE 350 de, diesel e plug-in hybrid
VideoTest

Mercedes GLE 350 de, diesel e plug-in hybrid

24 Nov 2020 Paolo Pirovano

E' la sigla che identifica la versione Plug-in hybrid della SUV di fascia alta della casa tedesca che si differenzia dalla concorrenza perché abbina un motore diesel alla...

Continua