Jeep Wrangler 4xe, l'ibrido plug-in per l'offroad

23 Jun 2021 Paolo Pirovano
Jeep Wrangler 4xe, l'ibrido plug-in per l'offroad

È ricco di novità il 2021 per Jeep che coincide con i festeggiamenti degli 80 anni di storia del marchio. Dalla Willys MA/MB, il primo veicolo costruito nel 1941, alla Wrangler il passo è breve e anche il modello iconico della casa americana si aggiorna e si trasforma portando la novità della motorizzazione ibrida plug-in, identificata dalla sigla 4xe.

Dopo Renegade e Compass sono ora tre la auto ibride con la spina ma nel caso della Wrangler ci sono delle sostanziali differenze rispetto alle due compatte, a partire dalla trazione integrale che prevede l’albero di trasmissione meccanico e non ottenuta attraverso il motore elettrico posteriore.

Rimangono così intatte le caratteristiche tipiche di questo modello e non vengono intaccate le capacità offroad che, anzi, con l’aggiunta della parte elettrica vengono ulteriormente migliorate.

Il Trail Rated della Wrangler è ottenuto, a seconda degli allestimenti, da due sistemi di trazione integrale full time active on demand - Selec-Trac o Rock-Trac, dagli assali Dana next-generation, dai bloccaggi elettrici dei differenziali anteriore e posteriore Tru-Lock, dal differenziale a slittamento limitato Trac-Lok e dalla barra stabilizzatrice anteriore a scollegamento elettrico; arriva così ad una capacità di guado fino a 76 cm.

Si aggiunge, inoltre, un ampliamento dell’utilizzo, perché grazie alla presenza delle batterie, la Wrangler 4xe è in grado di percorrere fino a 50 chilometri in modalità elettrica rendendola così adatta anche alla guida in città. Non solo, ma è possibile affrontare il fuoristrada in modo “eco-friendly” in maniera puramente elettrica, senza alcun intervento della parte termica. Cosa provata e verificata in un duro percorso tra i boschi nel più totale silenzio, affrontando passaggi molto complicati dove emerge la grande coppia messa a disposizione dall’unità EV.

Il sistema di propulsione della Jeep Wrangler 4xe è composto da un motore benzina turbo a quattro cilindri di 2 litri e un cambio automatico a otto marce, due motogeneratori elettrici e un pacco batteria da 400 volt. Il primo è collegato al motore a combustione interna, funziona in sinergia e può all’occorrenza agire da generatore ad alta tensione, mentre il secondo è montato sulla trasmissione e integrato nel cambio automatico, genera la forza di trazione e recupera energia in frenata. A questo si aggiunge il pacco batteria agli ioni di litio da 96 celle da 17 kWh e 400 volt, che può essere ricaricato in meno di tre ore con la easyWallbox da 7,4 kW. È posizionato sotto i sedili posteriori in modo da non intaccare la capacità del bagagliaio pari a 533 litri.

Le prestazioni segnano l’accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,4 secondi a fronte di una riduzione di circa il 70% delle emissioni di CO2 rispetto alla versione benzina nel ciclo WLTP con consumi che vanno dai 3,5 ai 4,1 lt/100 km a seconda degli allestimenti.

Sono tre le modalità di funzionamento E-Selec, selezionabili attraverso i pulsanti sulla plancia: Hybrid, quella predefinita, Electric per la guida a zero emissioni o quando serve potenza e E-Save per risparmiare la batteria per utilizzi successivi con due opzioni secondarie, Battery Save e Battery Charge. Le modalità di guida, invece, sono quattro e prevedono la selezione 2H a due ruote motrici, 4H Auto con la trazione integrale attiva on Demand, 4H part Time con la coppia ripartita in maniera uniforme sui due assi e 4L per inserire le marce ridotte.

All’esterno il caratteristico frontale a sette elementi è presente e i dettagli “Electric Blue” identificano l’elettrificazione del modello, proposto in due livelli di allestimento, Sahara e Rubicon a cui si aggiunge l’edizione 80° Anniversario. Per rendere la Wrangler 4xe ancora più unica ed estrema è disponibile la guida a cielo aperto, con le mezze porte presenti per la prima volta come accessorio ufficiale. I cerchi da off-road da 17" con pneumatici Mud Terrain tassellati sono utilizzati dalla Rubicon, mentre quelli da 18” con pneumatici All Season li troviamo sulla Sahara e 80° Anniversario.

La dotazione di serie comprende il sistema Uconnect NAV da 8,4” con touchscreen, con Apple CarPlay e Android Auto, il display TFT da 7 pollici con informazioni sul livello di carica della batteria e autonomia e l’impianto audio Alpine a nove altoparlanti con subwoofer da 552W.

Per la sicurezza, sono di serie il Blind-spot Monitoring con Rear Cross Path Detection, la telecamera posteriore, il controllo elettronico della stabilità (ESC) con sistema antiribaltamento ERM (Electronic Roll Mitigation), park assist anteriore e posteriore e sistema Keyless Enter 'N Go. A richiesta sono disponibili Adaptive Cruise Control, Forward Collision Warning Plus e nuova telecamera frontale (su Rubicon).

I prezzi partono da 69.550 euro della Sahara per salire ai 71.050 della Rubicon fino ai 71.900 della 80° Anniversario.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Suzuki Jimny Pro, per chi deve lavorare
Secondo noi

Suzuki Jimny Pro, per chi deve lavorare

22 Jul 2021 Paolo Pirovano

Quando nell’aprile del 1970 venne presentato il Suzuki LJ10, fu una vera e propria rivoluzione per il mondo dell’offroad. Nessuno aveva mai osato tanto proponendo per la...

Continua