Mercedes CASE per l'auto connessa

Mercedes CASE, più connessi, più liberi di decidere

27 Mar 2017 motorpad.it
Mercedes CASE per l'auto connessa

Mercedes lancia la strategia C.A.S.E. per l’automobile Connessa, Autonoma, Shared (cioè condivisa) ed Elettrica. Il passo più concreto e già disponibile è proprio la prima “C”, la connessione basata sul digital brand “Mercedes me” che trasforma l’automobile da semplice “car” a vera a propria “smartcar”. La connettività Mercedes consente un aggiornamento in tempo reale, oppure periodico, sia di tutto ciò che riguarda la vettura in senso stretto, sia delle esigenze di guidatore e ospiti a bordo, nonché del continuo evolversi delle condizioni esterne all’auto.

Ne è un esempio la navigazione, aggiornabile automaticamente attraverso la connessione mobile, con dati cartografici in aggiunta o sostituzione di quelli già presenti a bordo.
Un’ulteriore frontiera con enormi potenziali di sviluppo e il Car-to-X. Il sistema si basa sulla condivisione dei dati fra i veicoli presenti nell’area circostante. In questo modo, la “X”, ovvero l’incognita, l’imprevisto, non è più tale, perché il guidatore è preavvertito dagli altri utenti del sistema di ciò che sta per incontrare, dall’auto che sta per impegnare il vicino incrocio, alla strada interrotta o all’incidente appena avvenuto.

Il Live Traffic Information, dal canto suo, aggiorna in tempo reale i dati più ampi sul traffico e la viabilità , suggerendo il percorso più scorrevole.
La connettività Mercedes mostra di essere d’aiuto anche nelle cose più semplici e quotidiane. La segnalazione di parcheggi liberi, la memorizzazione di dove abbiamo lasciato l’auto, così come dei prezzi carburante sono quelle piccole cose che semplificano la vita e aiutano a non perdere tempo (…e denaro).

Naturalmente la sicurezza è sempre in primo piano in casa Mercedes. In caso di sinistro grave, dove si sono attivati gli airbag o semplicemente sono entrati in azione i pretensionatori, il guidatore riceve automaticamente una telefonata per sapere quali sono le necessità di soccorso, tutto espresso nella lingua-madre del guidatore, in qualunque paese il fatto sia avvenuto.

Oltre a essere automatico, il sistema può essere attivato volontariamente premendo il pulsante “SOS” posto sopra il retrovisore centrale, per ottenere soccorso anche in caso di necessità extra automobilistiche.

Oltre al pulsante “SOS”, è presente quello per l’assistenza tecnica e gestione dei guasti (è quello col simbolo di una chiave inglese) a cui si possono aggiungere la telediagnosi, il servizio manutenzione personalizzato (inclusi i preventivi di spesa) e l’iscrizione anonima per una gestione statistica delle necessità di riparazione della vettura, per un più veloce e razionale miglioramento della qualità dei vari componenti dell’auto.

 

Interessante è anche la tracciabilità della vettura tramite smartphone. Utile sia nel caso l’auto sia data in prestito, sia quando il… prestito era tutt’altro che voluto (furto della vettura).

Sempre tramite smartphone, è possibile gestire la chiusura e l’apertura delle portiere, così come il posteggio in spazi angusti: si scende dall’auto e la si manovra al millimetro tramite app, come se fosse un grande giocattolo.

La novità più eclatante della Mercedes connessa è il Servizio Concierge. Vero e proprio assistente personale, consente di telefonare alla semplice pressione di un tasto (sempre vicino allo specchietto) e in men che non si dica ci si trova a dialogare con un vero proprio assistente (anche in questo caso, della nostra lingua-madre) che da quel momento si dedica alle nostre richieste, con educazione e una naturalezza che nessun risponditore automatico potrà mai avere. Nella prova da noi effettuata abbiamo avuto la piacevole impressione di avere un efficiente maggiordomo in grado di dare ogni tipo di informazione da noi richiesta, comunicandola a voce oppure scaricandola sul navigatore o sul nostro smartphone, a seconda del tipo di richiesta. Il servizio è per ora di serie sull’ultima nata della Classe E, la 4Matic All-Terrain, ma sarà presto disponibile su tutte le “C” ed “E” della casa.

Proprio questo modello, infine, lancia l’innovativo Dynamic Lease, un servizio di noleggio tutto compreso dedicato ai privati, con prezzi chiari e proporzionabile all’uso chilometrico che si farà della vettura, con tanto di bonus se le percorrenze risulteranno inferiori al previsto. Insomma, un vero “pay-per-use” che potrebbe rivoluzionare il concetto di proprietà dell’automobile.  

 

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Furti auto in crescita nel 2021
Motori e dintorni

Furti auto in crescita nel 2021

25 Jul 2022 Paolo Pirovano

Il furto dell’auto è una delle situazioni più spiacevoli e fastidiose e che, purtroppo, in molti hanno sperimentato direttamente. Il fenomeno non accenna a diminuire e il...

Continua
Giulio Marc D'Alberton, Peugeot 308 SW
Intervista a

Giulio Marc D'Alberton, Peugeot 308 SW

25 Jul 2022 Paolo Pirovano

Puntata dedicata a Peugeot, marchio che ha una lunga tradizione in Italia che risale a due secoli fa quando venne immatricolata la prima automobile nel nostro paese,  una...

Continua
Mercedes GLC, sei versioni per l'Italia
In breve

Mercedes GLC, sei versioni per l'Italia

22 Jul 2022 Paolo Pirovano

La Nuova GLC è  la vettura più dinamica della famiglia di SUV Mercedes-Benz, e si rinnova completamente a partire dal design con superfici tese, spigoli precisi, e tra gli...

Continua
Nuova Honda Civic Type R
Anteprima

Nuova Honda Civic Type R

21 Jul 2022 Paolo Pirovano

In occasione del suo 25° anniversario e del 50° di Civic, Honda ha mostrato le prime immagini della Type R. La versione più sportiva del modello prosegue così la lunga...

Continua