Range Rover Evoque P300e, la plug-in hybrid adatta all'offroad

20 Jul 2021 Paolo Pirovano
Range Rover Evoque P300e, la plug-in hybrid adatta all'offroad

L’arrivo della motorizzazione plug-in hybrid sulla Range Rover Evoque apre un nuovo capitolo per la casa britannica da sempre specializzata nei SUV e nei fuoristrada. La media della famiglia e modello di ingresso nel mondo Range Rover, è lunga 4,37 mt e acquisisce la sigla P300e, trasformandosi ed evidenziando le caratteristiche di questa tecnologia che mette a disposizione una percorrenza in elettrico fino a 68 km con consumi omologati di 1,4 lt/100 km contenendo le emissioni di CO2 in 32 gr/km.

Il sistema prevede l’abbinamento tra il nuovo motore 3 cilindri di 1,5 litri della famiglia Ingenium, da 200 CV a cui viene affiancato quello elettrico da 109 CV posizionato sull’asse posteriore così da ottenere la trazione integrale, per non intaccare minimamente le capacità in offroad; potete immaginare una Land Rover che non sia in grado di andare in fuoristrada? Noi no.

Si chiama Electric Rear Axle Drive e sfrutta un motore sincrono a magneti permanenti con l’inverter integrato nel carter e lavora fino ad una velocità massima di 135 km/h, al di sopra della quale viene disaccoppiato lasciando attivo solo la parte termica.

La potenza complessiva ottenuta è di 309 CV con 540 Nm di coppia e l’unità motrice si completa con le batterie agli ioni di litio da 15 kWh, posizionate sotto i sedili che alimentano la parte EV della vettura.

Per arrivare a questi risultati è stata realizzata una nuova piattaforma progettata per accogliere le soluzioni plug-in e mild hybrid a 48V che sono utilizzate anche dalla Land Rover Discovery Sport.

Un tema molto importante per le plug-in è quello della ricarica delle batterie. È necessario averle sempre al massimo dell’efficienza, per avere dei reali vantaggi e percorrere il maggior numero di chilometri in modalità elettrica. La Evoque P300e si ricarica con un cavo Modo 2 da 0 al 100% sfruttando la rete domestica in 6 ore e 42 minuti, mentre passando ad una wallbox da 7 kW servono per arrivare all’80%, 84 minuti. Nel caso delle colonnine pubbliche, con quelle da 32 kW a corrente continua bastano 32 minuti. Sono tempi che devono essere programmati e gestiti.

Durante gli spostamenti son tre le modalità di guida che si possono selezionare. Una volta accesa si parte in Hybrid che combina automaticamente le migliori soluzioni tra i due motori. Con la EV, invece, si viaggia solo con la parte elettrica mentre Save permette di mantenere lo stato della batteria per utilizzarla in un secondo momento. Tutti i comandi avvengono attraverso il touchscreen centrale posizionato davanti alla leva del cambio automatico a 9 rapporti.

La Range Rover Evoque P300e è disponibile in 4 allestimenti, Base, S, SE, HSE, con due versioni Standard o R-Dynamics ed è in listino con prezzi compresi tra i 53.250 ed i 77.000 euro.

Una vettura che punta decisamente al mondo premium, dove è sempre stata posizionata, e la presenza del PHEV allargherà la platea anche al mondo aziendale e del Noleggio a Lungo Termine che preferisce soluzioni a basse emissioni e con costi di gestione contenuti per le proprie flotte.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Suzuki Jimny Pro, per chi deve lavorare
Secondo noi

Suzuki Jimny Pro, per chi deve lavorare

22 Jul 2021 Paolo Pirovano

Quando nell’aprile del 1970 venne presentato il Suzuki LJ10, fu una vera e propria rivoluzione per il mondo dell’offroad. Nessuno aveva mai osato tanto proponendo per la...

Continua