Concept Dacia Manifesto anticipa il futuro del marchio

16 Sep 2022 Paolo Pirovano
Concept Dacia Manifesto anticipa il futuro del marchio

 Con il Concept MANIFESTO, Dacia presenta un modello che racchiude tutte le idee e gli obiettivi che il marchio vuole raggiungere e proporre sulle vetture nei prossimi anni. È una concept volutamente ricca di proposte e anche se non la vedremo mai in produzione con queste forme, ha il compito di esplorare e di sviluppare i concetti del cambiamento di Dacia a partire dal rispetto dell’ambiente e dall’avvicinamento al mondo outdoor.

Questo dovrà avvenire senza trascurare i valori che hanno l’accompagnata finora in particolare mantenendo fede al “Best Value for Money” offrendo ai cliente auto essenziali e senza compromessi. David Durand, Direttore del Design Dacia afferma: “A noi di Dacia piace la concretezza. Mentre stavamo sviluppando ed esplorando nuove idee, abbiamo sentito che avevamo bisogno di spingerle oltre le simulazioni 3D per vedere come si presentano nella vita reale! Prima di essere un oggetto di design, il Concept Manifesto incarna la nostra visione e mette insieme molte innovazioni, a volte estreme nelle applicazioni, ma che restano comunque sempre accessibili ai clienti. Ne utilizzeremo alcune sui futuri modelli Dacia.”

La concept Manifesto si sviluppa su 3 assi portanti: Essenziale ma anche Cool; Robusta e Outdoor; Eco-Smart. Lunga 3,60 metri ha l’aspetto di una Buggy con ruote alte e carrozzeria ridotta al minimo indispensabile per togliere tutti i filtri tra i passeggeri e l’esterno. Non ci sono porte, finestrini, parabrezza, si viaggia immersi nella natura e per le attività all’aperta, al posto del portellone c’è un piano di lavoro.

Attraverso il Bring your Own Device si può integrare lo smartphone alla plancia e al computer di bordo e il sistema YouClip permette di fissare con grande facilità gli accessori utili. È previsto un unico faro anteriore di grande potenza che è estraibile per trasformarsi in una torcia. Per rispettare i principi dell’outdoor ha la trazione integrale, grande altezza dal suolo, ruote di grandi dimensioni e una carrozzeria in grado di resistere ai terreni più impervi.

Gli interni sono lavabili con un semplice getto d’acqua e il rivestimento dei sedili è amovibile e si trasforma in sacco a pelo in pochi secondi. Il tetto modulare può trasportare qualsiasi tipo di carico grazie alle barre modulabili e amovibili. La batteria dedicata ed estraibile fornisce elettricità tramite una presa domestica, trasformando Manifesto in una fonte di energia.

Compatto e leggero, riduce il consumo energetico e porta al minimo l’impronta ambientale. La carrozzeria è in gran parte plastica riciclata, derivata dalla trasformazione dei polimeri usati e con una resa finale screziata nota come Starkle e anche l’abitacolo è allestito con materiali naturali, come il sughero, che riveste la plancia. Un altro elemento innovativo del veicolo sono i pneumatici airless che non si possono forare e si mantengono per tutta la durata di vita del veicolo.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Lotus è tornata in Italia con la spina
Anteprima

Lotus è tornata in Italia con la spina

23 Sep 2022 Mariano Da Ronch

Presentata a Milano la nuova nata di Lotus: si chiama Eletre ed è un SUV elettrico di lusso e dalle dimensioni non trascurabili pari a 5,10 metri di lunghezza, con...

Continua
Stefano Virgilio, Opel Grandland Hybrid
Intervista a

Stefano Virgilio, Opel Grandland Hybrid

22 Sep 2022 Paolo Pirovano

Spazio a OPEL molto impegnata nella strategia di elettrificazione con un piano iniziato negli scorsi anni e che proseguirà a ritmi serrati con l’arrivo di nuovi modelli....

Continua
Subaru festeggia i 50 anni di AWD
Heritage

Subaru festeggia i 50 anni di AWD

16 Sep 2022 Paolo Pirovano

Uno dei tratti caratteristici di Subaru è la trazione integrale che ha nel sistema Symmetrical AWD abbinato al motore “Boxer” a cilindri orizzontali contrapposti un vero...

Continua