Federmetano sul Ticket Area C a Milano per le auto a metano

La posizione di Federmetano sul pagamento del Ticket Area C a Milano per le auto alimentate a metano.

19 Oct 2016 motorpad.it
Federmetano sul Ticket Area C a Milano per le auto a metano

A integrazione delle posizioni assunte da molte Associazioni di categoria i ordine ai provvedimenti annunciati dal Comune di Miano che prevedono il pagamento del Ticket d’accesso all’Area C anche per i veicoli alimentati a metano e a GPL, assume importanza anche quanto comunica Federmetano nel comunicato della Presidentessa Licia Balboni. Gli argomenti trattati e le proposte emerse nel recente convegno “CNG” autotrazione: ….opportunità e soluzioni”

Al di là di aspetti puramente tecnici connessi alla distribuzione ed erogazione del metano con i relativi obblighi di rispetto delle normative europee al riguardo, non ha mancato di sottolineare che:

“Il metano per autotrazione rappresenta un settore di eccellenza italiana noto in tutto il mondo. Negli ultimi tempi però sono emersi alcuni fattori che rischiano di rallentarne il processo di crescita, come suggerisce il campanello di allarme rappresentato dalla diminuzione delle immatricolazioni di auto a metano registrata negli ultimi mesi.

L’intero settore chiede quindi una maggiore attenzione e l’attuazione di politiche legislative che possano favorire la crescita, anche in virtù delle importanti qualità ecologiche del metano, che è il carburante con le minori emissioni di sostanze nocive tra quelli oggi maggiormente diffusi”.

Tutto questo ricordando anche che i veicoli a metano in circolazione in Italia sono quasi 1 milione. La Compagnia dell’Automobile - a difesa di chi con e per i con veicoli a metano vive e lavora - non può che sostenere questa richiesta di maggior attenzione ad un comparto con tutte le sue valenze economiche, occupazionali e di valore ambientale.

Valori che rischiano di essere ulteriormente compromessi e penalizzati da iniziative come quelle annunciate a Milano. E tutto prescindendo da un rapporto dalla distruzione di un rapporto di fiducia con Amministrazioni che prima raccomandano ai cittadini ed ai lavoratori di dotarsi di mezzi a  ridottissime emissioni e poi li penalizzano con nuovi odiosi balzelli. Opportune iniziative di protesta e proposta sono in fase di allestimento in collaborazioni con associazioni di categoria e altri gruppi organizzati.

Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Suzuki Ignis Hybrid, piccolo grande SUV
Secondo noi

Suzuki Ignis Hybrid, piccolo grande SUV

28 Jul 2020 Silvia Pirovano

Suzuki ha trasformato da poco tempo tutta la gamma facendola diventare esclusivamente ibrida. L’ultimo esempio è la Ignis, vero e proprio mini suv di segmento A che ora...

Continua
Nuova Skoda Octavia
Secondo noi

Nuova Skoda Octavia

23 Jul 2020 Paolo Pirovano

Da sessant’anni il nome Octavia è presente in Skoda e con oltre 7 milioni di unità vendute è l’auto più conosciuta e popolare della casa boema  e la quarta...

Continua
Maserati Ghibli Hybrid
Nuovi Arrivi

Maserati Ghibli Hybrid

20 Jul 2020 Paolo Pirovano

La Maserati Ghibli Hybrid apre un nuovo capitolo del marchio modenese e inaugura l’era dell’elettrificazione. Per questa tecnologia viene scelto uno dei modelli di...

Continua
Fabio Giuliani, Gruppo Bosch Italia
Intervista a

Fabio Giuliani, Gruppo Bosch Italia

20 Jul 2020 Paolo Pirovano

Facciamo un viaggio nella tecnica e nelle tecnologie che stanno accompagnando questa fase di transizione e di trasformazione del mondo dell’auto. Ci spiega questi continui...

Continua