Mercato Auto in Europa: a febbraio -7,2%

18 Mar 2020 Paolo Pirovano
Mercato Auto in Europa: a febbraio -7,2%

Il mercato auto in Europa segna ancora prima degli effetti del Corona Virus una forte contrazione delle vendite. Secondo i dati diffusi oggi dall’ACEA, l’Associazione dei Costruttori Europei, a Febbraio le immatricolazioni di autovetture nuove nell’Europa dei 27+EFTA+UK sono state pari a 1.066.794 unità contro le 1.149.659 nello stesso mese dell’anno scorso.

In percentuale vale un -7,2% rispetto a Febbraio 2019, ed il primo bimestre chiude con una diminuzione del 7,3% a 2.202.010 unità vendute contro le 2.375.791 dei primi due mesi del 2019. Tutti i mercati principali sono in negativo e analizzando gli andamenti dei 5 Major Markets vediamo contrazioni che vanno dal -2,7% della Francia al -10,8% della Germania passando per il -2,9% del Regno Unito, il -6,0% della Spagna e il -8,8% dell’Italia. Unico elemento comune il preoccupante il crollo generalizzato della domanda da parte dei privati, al -16,1% in Germania, -15,5% in Francia, -11,0% in Spagna, -7,4% nel Regno Unito e -19,0% in Italia.

“I dati di Febbraio, non sono ancora influenzati dall’emergenza da Coronavirus – commenta Andrea Cardinali, Direttore Generale dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere – confermano, se ce ne fosse bisogno, la crisi ormai strutturale del mercato auto Europeo, sorretto dai grandi sforzi economici di Case automobilistiche e reti di distribuzione”.

A questi dati allarmanti si aggiunge anche la situazione che sta avvenendo negli  ultimi giorni con quasi tutti gli impianti Europei di produzione di veicoli bloccati, con effetti pesantissimi sull’occupazione e sul contributo economico che il settore automotive fornisce in tutta Europa.

Le conseguenze le vedremo alla fine di marzo sui mercati nazionali e nel caso italiano – secondo Cardinali - “Da quando sono state applicate all’intero territorio nazionale le misure di contenimento il mercato delle autovetture in Italia ha registrato un vero e proprio tracollo, con ormai poche decine di immatricolazioni al giorno e una previsione per l’intero mese di Marzo di meno di 30mila unità contro le 194mila di Marzo 2019”.

L’industria automobilistica occupa quasi 14 milioni di persone in Europa e sta attraversando un momento di grandissima difficoltà alle quali vanno aggiunti gli obiettivi di abbattimento delle emissioni di CO2 in vigore a partire da quest’anno. Il rischio concreto è  di dover pagare onerose multe a causa dell’interruzione delle catene di fornitura dei componenti elettrici per i veicoli a basse emissioni, in un mercato in forte calo di vendite.

Unico segnale positivo in tutti i Major Markets la crescita delle immatricolazioni di autovetture elettriche pure e plug-in, che restano tuttavia ancora alimentazioni di nicchia.

Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Bmw i Hydrogen Next
Tecnica/Tecnologia

Bmw i Hydrogen Next

10 Apr 2020 Paolo Pirovano

La tecnologia dell’auto con celle a combustibile a idrogeno è già conosciuta ma al momento sono pochi i modelli a disposizione e in vendita e solo Toyota Mirai, Honda...

Continua
Mercedes C111-II, 50 anni di ricerca tecnica
Heritage

Mercedes C111-II, 50 anni di ricerca tecnica

06 Apr 2020 Paolo Pirovano

La Mercedes –Benz C111 è una delle più importanti concept car costruite. Un vero laboratorio mobile, una supercar capace di realizzare record di velocità, realizzata per...

Continua