Mercato auto Italia: continua il crollo anche dicembre 2021

04 Jan 2022 Paolo Pirovano
Mercato auto Italia: continua il crollo anche dicembre 2021

È di colore rosso la chiusura dell’anno per il mercato auto. I dati resi noti del mese di dicembre  portano ad un vero e proprio tracollo nelle immatricolazioni che si chiudono a 86.679 unità pari ad un -27,5% rispetto a dicembre 2020. Il totale nei 12 mesi arriva a 1.457.952 vetture, con un lieve incremento di 76.000 auto rispetto al 2020 (+5,5%) ma con ben 460.000 auto perse rispetto al 2019 (-24%).

Tante le cause che hanno portato a questa situazione e tra queste spicca la mancanza di una politica chiara e continuativa sul comparto dell’automotive dove i sostegni frammentari ed i continui “stop and go” degli incentivi hanno causato molta incertezza nelle decisioni dei consumatori. Inoltre non va dimenticata la crisi che da tempo sta colpendo l’industria automobilistica con la carenza dei semiconduttori, che di fatto ha rallentato la produzione con la conseguente mancanza di prodotto nelle concessionarie e tempi di consegna allungati.

A questo si aggiunge l’assenza nella Legge di Bilancio delle risorse economiche necessarie per incentivare il mercato dell’auto con un piano triennale, soprattutto per svecchiare il parco circolante, tra i più vecchi del continente, e avere vetture più moderne e meno inquinanti.

“L’UNRAE, l’Associazione delle Case Straniere in Italia attraverso il Presidente Michele Crisci , affrma che “L’assenza di una strategia almeno di medio periodo, con un piano di interventi organico, farà ricadere i costi economici della transizione sui consumatori, e i costi sociali sui lavoratori di un comparto che genera un fatturato commisurabile al 20% del Pil”.

Tutta questa situazione avviene all’interno di un contesto europeo, dove si distinguono i piani di incentivazione varati in Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, mentre l’Italia spicca, tra i maggiori mercati, come l’unico a non aver previsto alcuna risorsa per l’automotive. Per il solo 2022 fra PNRR e Leggi di Bilancio la Germania ha stanziato 2.100 milioni di euro, la Francia 1.245 e la Spagna 619 milioni di euro.

I modelli preferiti sul mercato nazionale sono la Fiat Panda che totalizza 112.298 unità consegnate, seguita dalla Fiat 500 con 44.819 veicoli ed al terzo posto la Lancia Ypsilon a 43.735.

Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Eugenio Blasetti, Mercedes EQ
Intervista a

Eugenio Blasetti, Mercedes EQ

24 Jan 2022 Paolo Pirovano

In questa puntata parliamo del programma di elettrificazione di Mercedes che sta procedendo molto velocemente e che ha nel 2030 una data precisa. In questo momento di...

Continua
Biagio Russo, Renault Kangoo
Intervista a

Biagio Russo, Renault Kangoo

17 Jan 2022 Paolo Pirovano

Parliamo di RENAULT KANGOO che ci permette di conoscere meglio il segmento delle vetture Multispazio della casa francese. Questi modelli hanno un pubblico che cerca...

Continua
MG, la gamma italiana
Nuovi Arrivi

MG, la gamma italiana

17 Jan 2022 Silvia Pirovano

MG, marchio automobilistico storico di origine inglese (Morris Garage), appartiene dal 2007 al Gruppo SAIC Motor, 1° costruttore cinese e 7° al mondo. Tutti i modelli...

Continua