No al ticket Area C a Milano per le auto a metano o gpl

Il nuovo Sindaco e il nuovo Assessore al traffico di Milano attaccano l’auto a GPL e Metano.

12 Oct 2016 motorpad.it
No al ticket Area C a Milano per le auto a metano o gpl

Doveva essere la giunta del dialogo e del coinvolgimento dei cittadini e invece… Invece il primo intervento del Sindaco Sala e dell’Assessore Granelli nei confronti dei cittadini automobilisti, che di certo non sono cittadini di serie B, si rivela sfacciatamente punitivo, dannoso per il lavoro di molta gente e pericoloso per la fiducia, già scarsa, nelle istituzioni.

Se ne sentono già molti di commenti del tipo “… me ne ricorderò alle prossime elezioni”. Difficile non essere d’accordo. E la Compagnia dell’Automobile è chiaramente su queste posizioni. 

Il caso scoppia con la decisione di far pagare il Ticket d’ingresso in Area C anche ai veicoli alimentati a metano o a GPL, proprio quelli che per anni sono stati raccomandati per il loro bassissimo impatto sull’ambiente e per i ridotti costi di gestione che, per molte categorie di lavoratori, artigiani, commercianti e pendolari, sono fondamentali per salvare i bilanci. Nemmeno l’Assessore Maran, noto “talebano” dell’auto aveva osato tanto.

Ci hanno pensato il nuovo sindaco Sala e il nuovo assessore Granelli; il primo alla beffa del Ticket ha anche aggiunto la dichiarazione abbastanza sprezzante che di tratta di “una decisione coraggiosa”. E se non bastasse - visto che tra le nuove misure c’è anche quella della riduzione delle strisce blu per il parcheggio degli aventi diritto - ha aggiunto: “si usino i parcheggi sotterranei che di certo gratis non sono”. Quindi un altro costo con i soldi tirati fuori dalle solite tasche.

Come la Compagnia dell’Auto hanno già preso posizione anche molti dei partecipanti al ForumAutomotive nel recente convegno tenuto a Milano, e anche l’UNRAE, l’associazione delle marche d’auto estere che operano in Italia. Lo ha confermato apertamente il Direttore Generale Romano Valente che, richiesto di un parere sull’argomento, ha dichiarato: “…non mi occorre un microfono per esprimere il nostro NO”. C’è poi il parere ufficiale di Federchimica Assogasliquidi che accusa apertamente i fautori della iniqua misura di "…scarsa conoscenza delle qualità dei veicoli a metano e GPL che in realtà presentano emissioni di particolato praticamente nulle”.

Secondo Granelli, invece, su parere di non si sa chi “…tra le auto a metano e a GPL e quelle a benzina Euro 6 non c’è una grande differenza di emissioni”. Si afferma poi, con notevole faccia tosta, che la misura contestata non è stata presa per motivi ambientali, ma solo per diminuire il caos del traffico in città aumentato per i lavori della Metropolitana 4.

Ci si guarda bene, però, di indicare i responsabili di questo caos che sta anche mettendo sul lastrico molti commercianti. 

Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Suzuki Ignis Hybrid, piccolo grande SUV
Secondo noi

Suzuki Ignis Hybrid, piccolo grande SUV

28 Jul 2020 Silvia Pirovano

Suzuki ha trasformato da poco tempo tutta la gamma facendola diventare esclusivamente ibrida. L’ultimo esempio è la Ignis, vero e proprio mini suv di segmento A che ora...

Continua
Nuova Skoda Octavia
Secondo noi

Nuova Skoda Octavia

23 Jul 2020 Paolo Pirovano

Da sessant’anni il nome Octavia è presente in Skoda e con oltre 7 milioni di unità vendute è l’auto più conosciuta e popolare della casa boema  e la quarta...

Continua
Maserati Ghibli Hybrid
Nuovi Arrivi

Maserati Ghibli Hybrid

20 Jul 2020 Paolo Pirovano

La Maserati Ghibli Hybrid apre un nuovo capitolo del marchio modenese e inaugura l’era dell’elettrificazione. Per questa tecnologia viene scelto uno dei modelli di...

Continua
Fabio Giuliani, Gruppo Bosch Italia
Intervista a

Fabio Giuliani, Gruppo Bosch Italia

20 Jul 2020 Paolo Pirovano

Facciamo un viaggio nella tecnica e nelle tecnologie che stanno accompagnando questa fase di transizione e di trasformazione del mondo dell’auto. Ci spiega questi continui...

Continua