Anche i cinesi hanno portato a Francoforte le loro novità

18 set 2017 motorpad.it
Anche i cinesi hanno portato a Francoforte le loro novità

Le assenze di alcune marche e Gruppi occidentali anche importanti sono state in una certa misura compensate dalla presenza di marchi cinesi che con la loro presenza hanno chiaramente manifestata la loro strategia volta a conquistare spazio anche sul mercato europeo. Politica del resto che viene evidenziata in molti modi dall'industria automobilistica cinese che ricorre ad accordi, joint venture, con partecipazioni azionarie o addirittura acquisizioni come nel caso della Volvo. Sono in sono in realtà le stesse strategie che mettono in atto i costruttori accidentali o americani per vendere in Cina. Con la differenza che il governo cinese impone che i costruttori stranieri che vogliono entrare sul mercato locale vengano a costruire direttamente sul posto. Trump, in fondo, non ho scoperto niente. Le marche che hanno scelto di presenziare al Salone di Francoforte sono la Chery e la Great Wall.

La Chery è la marca che più esporta all'estero, circa 700.000 unità lo scorso anno, e il suo interesse si concentra particolarmente sui SUV. Sulle rive del Meno  ha messo in mostra la Exeed TX. Disegnato secondo la filosofia “life in motion” impiega un motore 1005 cc a benzina da 150 CV con cambio automatico a sette rapporti e uno elettrico da 160 CV consente di percorrere circa 70 km modalità a zero emissioni; dispone anche della trazione integrale. Dal salone di Shanghai dove hanno debuttato sono arrivate Europa anche le Tiggo 7 e 5. Tutte nascono su una nuova piattaforma che darà origine anche ad altri modelli.

La Great Wall già presente anche in Italia con una rete di vendita e assistenza e nota per la recente, ma respinta, dichiarazione di interesse per il marchio Jeep, ha messo sotto i riflettori il prototipo del SUV del suo marchio di lusso Wey. Si chiama XEV e si presenta stilisticamente molto elaborata nel frontale e con le porte ad ala di gabbiano. L’alimentazione plug-in si realizza con due motori elettrici, da 55 kW davanti e da 130 dietro. Raggiunge 160 km all'ora di velocità ed è lunga 4,76 mt.
È una ibrida plug-in anche la P8 con un motore 2.000 cc turbo a benzina e due elettrici da 15 e 85 CV.
Più o meno sulla stessa lunghezza è  realizzata la VV 7S proposta in due versioni, con motore ibrido la Hi4 con uno a benzina da 234 CV nella versione sportiva.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Mercato Auto Italia, luglio stabile -0,1%
Economia

Mercato Auto Italia, luglio stabile -0,1%

02 ago 2019 Paolo Pirovano

Parte per le ferie con un -0,1% il mercato auto in Italia, rimanendo sugli stessi livelli dello scorso anno con 152.800 immatricolazioni (contro le 152.949). Nei sette mesi...

Continua
Mercedes EQC, elettrica per viaggiare
Secondo noi

Mercedes EQC, elettrica per viaggiare

31 lug 2019 Paolo Pirovano

La EQC 400 4 Matic è la prima Mercedes elettrica ed apre un nuovo capitolo per la casa di Stoccarda e per identificare questi modelli ha creato un marchio apposito, EQ dove...

Continua
Citroen SM la Gran Turismo del Double Chevron
Fari Puntati

Citroen SM la Gran Turismo del Double Chevron

30 lug 2019 Paolo Pirovano

Dopo il grande successo della DS, in Citroen stavano pensando come migliorare l’immagine sportiva del marchio. Non è così per niente casuale l’acquisizione nel 1968...

Continua
Audi Q3 Sportback, Coupé o Suv?
Anteprima

Audi Q3 Sportback, Coupé o Suv?

25 lug 2019 Silvia Pirovano

Audi presenta il suo primo SUV coupé compatto, Q3 Sportback, che combina il design grintoso tipico appunto dei coupé, la dinamica delle berline sportive e la versatilità...

Continua