La nuova BMW X1, che sarà presto anche elettrica

11 Oct 2022 Mariano Da Ronch
La nuova BMW X1, che sarà presto anche elettrica

Il modello entry-level nel mondo delle BMW X rimane al passo con i tempi: nella sua terza generazione, la nuova X1 aggiorna il design, offre una maggiore abitabilità e una digitalizzazione avanzata e, per la prima volta, un sistema di trazione completamente elettrico. Il sistema operativo con Operating System 8 e Curved Display, oltre a una scelta molto più ampia di assistenza alla guida e di parcheggio automatizzati, confermano questa vettura come una proposta non banale per il segmento delle compatte premium.

Al momento del lancio, è possibile scegliere tra due motori a benzina e due motori diesel, abbinati a un cambio Steptronic a sette rapporti con doppia frizione di serie e, a seconda del modello la trazione sarà anteriore o a trazione integrale intelligente BMW xDrive. A questi seguirà la iX1 xDrive30 elettrica, oltre a una coppia di modelli ibridi plug-in e da altre due varianti a propulsione tradizionale con tecnologia mild hybrid a 48V. I miglioramenti in termini di sostenibilità rispetto al modello precedente sono dovuti non solo all’elettrificazione, ma anche al maggiore utilizzo di energia verde, sia per la produzione che nella catena di fornitura, e alle maggiori quantità di materie prime secondarie e materiali naturali utilizzati.

Il frontale imponente conferisce una presenza molto più marcata, con i sottili fari a LED, la grande griglia a doppio rene BMW quasi quadrata. I fari adattivi a LED con abbaglianti a matrice e gli indicatori di direzione pulsanti e distribuzione variabile della luce sono disponibili come optional. Finiture specifiche per le versioni xLine e M Sport, offerte in alternativa alla versione base, mentre tutte le varianti sono dotate di serie di cerchi in lega, da 17 a 20 pollici.

Gli elementi chiave del nuovo abitacolo sono il sottile quadro strumenti e il bracciolo "fluttuante" con pannello di controllo integrato, mentre i sedili di nuova concezione sono disponibili con l'opzione di rivestimenti in pelle Sensatec perforata e Vernasca, con le opzioni sportive, regolazione elettrica con memoria e supporto lombare e funzione di massaggio.

La capacità del bagagliaio può essere aumentata da 540 a un massimo di 1.600 litri e il gancio di traino disponibile come optional è ora azionabile elettricamente con la semplice pressione di un pulsante. Se poi si vuole esagerare, i pacchetti di equipaggiamento consentono una personalizzazione mirata dell'auto per specchietti, illuminazione dell’ambiente interno, tetto panoramico in vetro e sistema audio Harman Kardon.

E veniamo alla versione elettrica. La iX1 xDrive30 è la prima vettura con questo propulsore a trazione integrale introdotta dal marchio nel segmento delle compatte premium. Due unità di trazione integrate sull'asse anteriore e posteriore erogano una potenza combinata di 230 kW/313 CV (tenendo conto dell'effetto di boost temporaneo) e una coppia complessiva di 494 Nm, con un'autonomia prevista di 413-438 chilometri. La tecnologia eDrive di quinta generazione è impiegata anche nelle varianti ibride plug-in con un sostanziale aumento dell'autonomia elettrica.

Sarà lanciata, come dicevamo, con una scelta di motori a combustione convenzionale con due unità a benzina e due a diesel della nuova generazione di motori Efficient Dynamics. La tecnologia mild hybrid a 48V di seconda generazione, con un motore elettrico integrato nel cambio Steptronic a sette rapporti, contribuisce ad aumentare l'efficienza e l'erogazione di potenza. In particolare, un motore diesel a quattro cilindri si combina con la tecnologia mild hybrid nella xDrive23d, con un consumo di carburante combinato pari a 5,4 - 4,8 l/100 km, emissioni di CO2 combinate di 142 – 125 g/km nel ciclo WLTP, ed una potenza massima di 155 kW/211 CV (sviluppata dalla combinazione del motore a combustione con una potenza massima di 145 kW/197 CV e del motore elettrico integrato con una potenza massima di 14 kW/19 CV). L'unità diesel a quattro cilindri della nuova sDrive18d invece vanta un consumo di carburante combinato pari a 5,5 - 4,9 l/100 km con emissioni di CO2 combinate: 145 – 129 g/km nel ciclo WLTP e genera 110 kW/150 CV.

Tra le dotazioni di serie figurano anche il Cruise Control con funzione di frenata e il sistema di avviso di collisione anteriore, che ora è anche in grado di rilevare il traffico in arrivo quando si svolta a sinistra (nei Paesi in cui i veicoli circolano a destra) e i pedoni e i ciclisti quando si svolta a destra. Anche il sistema di assistenza al parcheggio, con telecamera di assistenza alla retromarcia e assistente alla retromarcia, fa parte dell'equipaggiamento di serie. L'elenco degli optional, invece, comprende l'Assistente di sterzo e controllo della corsia, l'Active Cruise Control con funzione Stop&Go, l'Active Navigation, la funzione di avviso di uscita e l’Head-Up Display, oltre alle funzioni Surround View, Remote 3D View, Drive Recorder e Remote Theft Recorder. Interessante la funzione Augmented View , disponibile come optional per il sistema di navigazione, che aiuta con una segnalazione sovraimpressa sullo schermo a seguire la direzione giusta.

I prezzi partono da 39.700 euro per la sDrive 1.8i, per arrivare a 61.150 per la iX1 30 xDrive (BEV) MSport.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Le prime immagini della Opel Astra Electric
Anteprima

Le prime immagini della Opel Astra Electric

01 Dec 2022 Paolo Pirovano

Sono state pubblicate le prime immagini della Opel Astra Electric, la prima Astra 100%  elettrica che verrà proposta nella versione 5 porte elettrica e Sports Tourer, la...

Continua