Nuova Dacia Sandero Streetway e Stepway

10 Dec 2020 Paolo Pirovano
Nuova Dacia Sandero Streetway e Stepway

Quanto viene presentato sulla terza generazione della Dacia Sandero è il segno di un grande cambiamento per il brand del Gruppo Renault. Il marchio, nato 15 anni fa, abbandona con questa vettura il concetto di low-cost degli esordi per definire quello di acquisto intelligente al giusto prezzo. Il modello più venduto a livello internazionale, 2,1 milioni di unità dal lancio del 2004, di cui oltre 231.000 solo in Italia, è stato rivisto completamente nel design e negli equipaggiamenti e nelle motorizzazioni. Tutto partendo da una piattaforma modulare moderna la CMF, che se ai non addetti ai lavori questa sigla dice poco, basta spiegare che è la stessa utilizzata dalla Clio e da Captur.

Partendo dall’esterno si vede il lavoro su entrambe le versioni disponibili, la Streetway più urbana e la Stepway più crossover con uno stile più dinamico. Il parabrezza ora è più  inclinato, i passaruota allargati e le spalle più robuste, il tetto spiovente è ribassato di 1 cm, presenta un frontale inedito con i fari a LED e la firma luminosa ad Y. Elementi che conferiscono una maggiore impronta a terra dove l’allargamento della carreggiata di 4,1 cm (2,9 cm per la Streetway) e le ruote a filo carrozzeria, contribuiscono decisamente.

Per la Stepway, che rappresenta il 71% delle vendite totali, viene accentuata l’anima da crossover con un cofano motore specifico e più bombato, le protezioni per il sottoscocca color metallo, le barre modulari sul tetto, gli skid al posteriore, oltre ai cerchi personalizzati da 16”. L’altezza da terra aumenta di 4,1 cm rispetto alla Streetway.

La rivoluzione prosegue anche all’interno dove troviamo una plancia più ergonomica, nuovi materiali per i sedili e per le porte, due prese USB, 21 litri di vani portaoggetti che si aggiungono ai 328 del bagagliaio. Per la prima volta, poi, la Sandero ha tra gli optional il tetto apribile elettrico. Dove cambia decisamente è nei sistemi multimediali, con tre possibili scelte. Si parte con il Media Control che, attraverso una App, gestisce attraverso lo smartphone radio, telefonia e navigazione. Salendo di livello sono presenti il Media Display e il Media Nav, con un display da 8” compatibile con Apple CarPlay e Androia Auto, anche in modalità wireless.

Innalzato il livello di sicurezza con i dispositivi ADAS di ultima generazione con la Frenata automatica d’Emergenza, il sensore angolo morto di serie e sei airbag. Per le motorizzazioni si parte con la SCe da 65 Cv, un 1.000 cc tre cilindri previsto solo per la Streetway, il turbo TCe 90 abbianabile ad un cambio manuale a 6 rapporti o a un CVT. In alternativa l’ECO-G a GPL da 100 CV, sempre il 3 cilindri turbo che grazie alla doppia alimentazione raggiunge un’autonomia di 1.300 km.

Tre i livelli di allestimento per la Streetway, Access, Essential e Comfort con listino da 8.950 euro mentre la Stepway ne ha due (Essential e Comfort) con prezzi che partono da 12.600 euro. Gli ordinativi sono aperti con le prime consegne previste nel gennaio 2021.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Giulio Marc D'Alberton, Peugeot 3008
Intervista a

Giulio Marc D'Alberton, Peugeot 3008

04 Jan 2021 Paolo Pirovano

L’auto protagonista della puntata è la nuova Peugeot 3008, il SUV compatto della casa francese e modello di grande successo che non solo si rinnova stilisticamente ma si...

Continua
Elena Fumagalli, Citroen C5 Aircross Hybrid
Intervista a

Elena Fumagalli, Citroen C5 Aircross Hybrid

31 Dec 2020 Paolo Pirovano

Protagonista è Citroen che con la C5 Aircross Hybrid, vettura in studio, inaugura la strategia di elettrificazione della casa francese che nei prossimi anni porterà novità...

Continua