Renault Captur e-tech, adesso anche Full Hybrid

06 Jul 2021 Mariano Da Ronch
Renault Captur e-tech, adesso anche Full Hybrid

Un modello emblematico per la Marca Renault, non c’è che dire: lanciato nel 2013, Captur è diventato in breve tempo un successo in Francia ed Europa, con oltre 1,5 milioni di unità vendute, di cui oltre 214.000 in Italia, dove nel 2020 si è classificato come il SUV di segmento B più venduto a clienti privati, nonché il modello plug-in hybrid più venduto.

Mancava una versione ibrida, e adesso c’è. Dotata di due motori elettrici, una batteria di trazione e una trasmissione smart multimode, Captur E-TECH Hybrid 145 offre una soluzione Full Hybrid con una batteria da 230 V e una capacità di 1,2 kWh basata su un 4 cilindri da 1.6 litri, dove gli interventi dei motori elettrici e il flusso di energia vengono visualizzati durante la guida sul display centrale da 7”, scegliendo tra le modalità My Sense, Eco e Sport. Questa motorizzazione eroga una potenza combinata di 145 CV ed è conforme alla norma Euro6 D Full. La velocità massima è di 170 km/h e lo scatto da 0 a 100 km/h avviene in 10,6 secondi.

In decelerazione e frenata è possibile recuperare l’energia cinetica che viene trasformata in energia elettrica per rigenerare la batteria, consentendo in città una guida fino all’80% elettrica e l’avviamento sistematico in modalità elettrica. Questa tecnologia consente altresì di risparmiare fino al 40% di carburante rispetto ai motori termici equivalenti in ciclo urbano. Nel ciclo misto il protocollo WLTP rileva un consumo tra 5,0 e 5,4 l/100 km ed emissioni di CO2 tra 113 e 120 g/km.

C’è poi l’allestimento R.S. Line, disponibile per la prima volta su Renault Captur, caratterizzato da un paraurti anteriore dotato di lama F1 e una griglia a nido d’ape, un diffusore posteriore grigio, cristalli e lunotto posteriore scuri, doppio scarico cromato e cerchi in lega da 18” Le Castellet e il badge R.S. Line apposta sul portellone del bagagliaio. All’interno, sellerie specifiche con bordino rosso e volante in pelle traforata con cuciture rosse e grigie, oltre a battitacchi in alluminio, una riga rossa sulle bocchette dell’aria e sulla plancia, che adotta una finitura in stile carbonio. L’assistenza al parcheggio anteriore e posteriore con parking camera e il retrovisore interno elettro-fotocromatico fanno parte della dotazione di serie.

La tecnologia E-TECH Hybrid è così disponibile su tutti gli allestimenti di Captur e completa l’offerta ibrida che già prevede in gamma la motorizzazione Plug-in Hybrid E-TECH 160. Inoltre Renault Captur dà la possibilità di scegliere anche tra motori benzina (TCe 90), benzina micro-ibrida (TCe 140) o bifuel benzina / GPL (TCe 100 GPL) per rispondere alle diverse esigenze di mobilità.

Captur E-TECH Hybrid 145, riconoscibile dai badge specifici su portellone del bagagliaio, propone gli stessi livelli di equipaggiamento delle versioni termiche, Zen, Business, Intens, R.S. Line e Initiale Paris ed è disponibile in Italia con prezzi compresi tra da 25.750 e 31.100 euro.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Suzuki Jimny Pro, per chi deve lavorare
Secondo noi

Suzuki Jimny Pro, per chi deve lavorare

22 Jul 2021 Paolo Pirovano

Quando nell’aprile del 1970 venne presentato il Suzuki LJ10, fu una vera e propria rivoluzione per il mondo dell’offroad. Nessuno aveva mai osato tanto proponendo per la...

Continua
Suzuki Swace, open space full hybrid
VideoTest

Suzuki Swace, open space full hybrid

21 Jul 2021 Paolo Pirovano

La station wagon Suzuki Swace, versatile e spaziosa, dalla linea molto dinamica e sportiva con un motore Full Hybrid, allarga l’offerta della casa giapponese tra le diverse...

Continua