Renault Megane e-tech Electric, l'elettrica 2.0

16 Feb 2022 Paolo Pirovano
Renault Megane e-tech Electric, l'elettrica 2.0

Renault è stata tra i pionieri dell’auto elettrica in Europa  e nei 10 anni in cui ha sviluppato questa tecnologia ha venduto più di 400.000 veicoli. Con la nuova Megane e-tech Electric arriva il primo modello che dà il via per la casa francese alla seconda generazione dei veicoli a zero emissioni, che mantiene solamente il nome della berlina che conosciamo da quattro generazioni.

Un cambio di filosofia radicale, non solo per il passaggio all’elettrico, che parte dalla piattaforma nativa digitale CMF-EV che rappresenta la prima realizzazione concreta del piano Renaulution lanciato lo scorso anno ed apre l’offensiva della losanga all’interno del segmento. C

Nei 4,21 metri di lunghezza, 1,77 mt la larghezza ed 1,50 l’altezza, propone un design moderno e aerodinamico, applicando linee che richiamano il mondo dei crossover, con una fiancata pulita con le maniglie a scomparsa, il tetto spiovente e le ruote posizionate agli estremi con sbalzi ridotti che portano ad avere un passo di 2,70 mt.

Questo valore significa un’abitabilità da categoria superiore ed ha permesso ai designer di realizzare un ambiente spazioso e accogliente dove la digitalizzazione domina e attraverso l’OpenR presenta  due grandi schermi che possono arrivare alla configurazione da 12”+12” con servizi e applicazioni Google. L’update over the air  è gratuito per i primi cinque anni  e consente alla vettura di restare sempre aggiornata. Sono disponibili, inoltre, anche Android Auto e Apple Car Play con il collegamento wireless che debutta su una Renault, così come il nuovo marchio, il Nouvel R, mostrato sulla calandra che rivede in chiave moderna la losanga che da 120 anni rappresenta la casa francese.

Passando alla parte tecnica la Megane e-tech Electric viene proposta con due diverse soluzioni di batteria, da 40 e da 60 kWh che alimentano rispettivamente un motore da 130 CV e da 220 CV. L’autonomia dichiarata raggiunge nel primo abbinamento i 300 km mentre nel secondo arriva a 470 chilometri, sempre seguendo le norme di omologazione WLTP. Le batterie, posizionate nel pianale, sono ultra sottili con un’altezza di 110 mm e contribuiscono ad aumentare lo spazio nell’abitacolo oltre a migliorare la dinamica di marcia, abbassando il baricentro.

Dove si differenzia rispetto alle altre auto elettriche è nella scelta del motore anteriore per avere una soluzione “tutto avanti” anche per la trazione. Sulla strada si apprezza la posizione di guida ribassata, lo sterzo diretto e preciso e la taratura delle sospensioni che prevedono il Multilink al posteriore. Non è certamente un’auto sportiva ed una leggera deriva laterale si nota alle velocità più sostenute ma il compito di queste berline medie è quello di viaggiare nel massimo comfort. Il peso complessivo è di 1624 kg.

La sicurezza comprende 26 sistemi ADAS per una guida autonoma di livello 2.

La fase di ricarica varia a seconda della capacità della batteria e, naturalmente, della fonte che fornisce l’energia. Nel caso della 40 kWh è possibile la ricarica in AC (corrente alternata) fino a 22 kW e DC (corrente continua) fino a 85 kW. Passando al livello superiore da 60 kWh la ricarica in AC è sempre fino a 22 kW e in DC fino a 130 kW. Per facilitare i lunghi viaggi i clienti potranno avvalersi di Mobilize Charge Pass che permette di accedere a oltre 260.000 punti di ricarica pubblici in 25 Paesi, localizzandoli ed effettuando il pagamento della ricarica con facilità.

Quattro gli allestimenti, Equilibre, Techno, Iconic e Business con prezzi per la versione da 40 kWh/130 CV compresi tra i 37.100 ed i 43.100 euro mentre la 60 kWh/220 CV muove tra i 41.700 ed i 47.700 euro. Cuore della gamma sarà l’allestimento Techno, con un listino di 44.700 euro per il quale è previsto un finanziamento Valore Futuro Renault a partire da poco meno di 300  euro al mese con anticipo del 20% del valore. Le consegne sono programmate per prima dell’estate.

La garanzia è di 2 anni per il veicolo e di 8 anni (o 160.000 km) per la batteria e sono inclusi i servizi di assistenza stradale in caso di panne d’energia. Se sfortunatamente si resta fermi perché la batteria è scarica provvede a ripristinare l’auto con una ricarica mobile.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Le prime immagini della Opel Astra Electric
Anteprima

Le prime immagini della Opel Astra Electric

01 Dec 2022 Paolo Pirovano

Sono state pubblicate le prime immagini della Opel Astra Electric, la prima Astra 100%  elettrica che verrà proposta nella versione 5 porte elettrica e Sports Tourer, la...

Continua
Simone Albè, Suzuki S-Cross Hybrid 140V
Intervista a

Simone Albè, Suzuki S-Cross Hybrid 140V

01 Dec 2022 Paolo Pirovano

Puntata dedicata a SUZUKI, casa automobilistica che da anni ha fatto una scelta precisa per quanto riguarda le motorizzazioni, proponendo esclusivamente soluzioni...

Continua
Arriva in Italia la Polestar 2
Secondo noi

Arriva in Italia la Polestar 2

30 Nov 2022 Paolo Pirovano

Il marchio Polestar nasce in Svezia nel 2017 come costola di Volvo per produrre veicoli elettrici. Attualmente il marchio è presente in 19 paesi, ha sede a Goteborg e tre...

Continua