Euro Ncap 2020, arrivano novità per i test

21 May 2020 Paolo Pirovano
Euro Ncap 2020, arrivano novità per i test

L’emergenza sanitaria in corso ha temporaneamente bloccato l’esecuzione dei test sulla sicurezza Euro NCAP, il Consorzio europeo che organizza crash test su veicoli nuovi, che riprenderanno subito dopo l’estate.

Sono stati intanto definiti nuovi standard da applicare alle vetture che verranno esaminate nel corso dell’anno e che renderanno più precisa e severa la valutazione dei modelli più venduti e popolari in Europa. Sarà quindi sempre più difficile per i costruttori ottenere o mantenere le 5 stelle, il voto più alto raggiungibile. Migliore protezione degli occupanti, protezione post-incidente e promozione di nuovi sistemi di assistenza alla guida sono le aree su cui si è concentrata l’attenzione, migliorando sulla base delle esperienze finora fatte.

Per la protezione degli occupanti, sono due le novità introdotte. La prima prevede l’utilizzo di una nuova barriera mobile per la prova dello scontro frontale, per ricostruire in modo più veritiero l’urto frontale tra due autovetture, uno dei casi di incidente più pericoloso e con gravi conseguenze sugli occupanti. La seconda, invece, è un nuovo parametro e si occupa della valutazione dell’interazione tra conducente e passeggero, in caso di urto laterale, dove spesso avviene un contatto tra le teste delle persone che può avere anche conseguenze letali. I protocolli premieranno così le auto dotate dei nuovi airbag previsti per evitare o attenuare le conseguenze di questi contatti.

I sistemi di frenatura automatica (AEB), saranno sottoposti a nuovi scenari, allargando l’area di lavoro come nel caso di evitare l’investimento del pedone in retromarcia e la svolta in corrispondenza di un incrocio. Inoltre, entrano nel campo di valutazione i sistemi di monitoraggio dello stato di attenzione del conducente, quelli che rilevano e prevengono l'affaticamento e la distrazione di chi guida.

A questi primi due interventi si aggiunge la valutazione della sicurezza post-incidente, partendo dal controllo della funzionalità del sistema eCall e la disponibilità di idonee informazioni e facilitazioni per le squadre di soccorso chiamate a intervenire. Per questo verrà messa a disposizione gratuitamente l’App Euro Rescue dove sarà possibile trovare le “Rescue Sheet”, le “Schede per il soccorso” di tutte le autovetture in commercio, nelle quali sono evidenziate tutte le caratteristiche “pericolose” del veicolo.

In questo modo saranno fornite informazioni preziose ai soccorritori che devono intervenire sul veicolo incidentato come il posizionamento del serbatoio, della batteria, dei generatori di gas, dove si trovano i rinforzi per la cabina e le unità di controllo, i comandi degli airbag e nel caso delle auto elettriche o ibride il percorso dei cavi e la sistemazione delle batterie ad alta tensione.

Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Roberto Di Stefano, e-Mobility by FCA
Intervista a

Roberto Di Stefano, e-Mobility by FCA

19 May 2020 Paolo Pirovano

Temi di grande attualità in questa puntata dove insieme al Gruppo FCA parleremo del programma di elettrificazione e-mobility che coinvolge tutti i marchi con differenti...

Continua
Mercato Auto Europa: crollo ad aprile
Economia

Mercato Auto Europa: crollo ad aprile

19 May 2020 Paolo Pirovano

Non poteva andare in altro modo e tutti gli effetti causati dall’emergenza Covid-19 portano in aprile un crollo delle immatricolazioni di auto dovuto alla chiusura delle...

Continua