Si chiama Speedtail la nuova hyper GT McLaren

27 Jul 2018 Paolo Pirovano
Si chiama Speedtail la nuova hyper GT McLaren

Si chiamerà Speedtail la prossima Hyper-GT di McLaren, nuovo modello della casa inglese che farà parte della gamma delle Ultimate Series e prenderà il posto della P1 la prima hypercar ibrida lanciata 5 anni fa con una serie limitata. Finora il progetto era noto come BP23 e sarà la più veloce vettura del marchio finora costruita con prestazioni annunciate che supereranno le 243 mp/h di velocità massima, circa 400 km/h, raggiunte dalla F1 Stradale. Proprio a questo modello si ispira per le soluzioni dell’abitacolo con tre posti di cui quello centrale di guida con i passeggeri ai lati. Un ulteriore richiamo alla F1 Stradale lo ritroviamo nel numero di esemplari prodotti che saranno soli 106, tutti già prenotati e venduti ad un prezzo base di 1,6 milioni di sterline tasse escluse che al cambio attuale fanno poco più di 1,8 milioni di euro. Per la parte tecnica si conosce solo che disporrà di un motore ibrido benzina-elettrico e la presentazione è prevista entro la fine dell’anno ma, i clienti selezionati la vedranno in anteprima in un evento dedicato.

Il design è affidato ai primi sketches che confermano quanto sarà curata la parte aerodinamica e l’inizio della produzione è programmato per la fine del prossimo anno. Ogni Speedtail sarà personalizzata, secondo il gusto personale dei proprietari attraverso i lavori della McLaren Special Operations (MSO), la divisione di McLaren Automotive responsabile per tutti gli ordini su misura.

La Speedtail insieme alla 600LT mostrata a Goodwood, rientra nel piano industriale Track 25 con uno sviluppo basato sul lancio di 18 modelli entro il 2025 con un investimento di 1,2 miliardi di euro con l’obiettivo di arrivare per quella data ad una produzione di 6.600 vetture. Ogni gamma, inoltre, avrà una versione ibrida ad ampia autonomia in modalità elettrica, lavorando sempre sul concetto della leggerezza elemento fondamentale per le supercar inglesi. Il lavoro sarà affidato al McLaren Composites and Tecnology Center che già produce le batterie per la seconda generazione della Formula E.

Torna indietro
Tags

notizie correlate:

Mini vince la Dakar con Carlos Sainz
Sport

Mini vince la Dakar con Carlos Sainz

17 Jan 2020 Paolo Pirovano

Carlos Sainz e Lucas Cruz alla guida del MINI John Cooper Works Buggy sono i vincitori della Dakar che per la prima volta si è tenuta in Arabia Saudita. Il pilota spagnolo,...

Continua
Hyundai al Consumer Electronics Show (CES) 2020
Salone di Las Vegas CES

Hyundai al Consumer Electronics Show (CES) 2020

10 Jan 2020 Silvia Pirovano

Hyundai al Consumer Electronics Show (CES) 2020 di Las Vegas mostra la sua visione della mobilità del futuro, che nasce dall'idea che essa sia strettamente collegata...

Continua
Le auto più sicure per Euro NCAP del 2019
Tecnica/Tecnologia

Le auto più sicure per Euro NCAP del 2019

09 Jan 2020 Paolo Pirovano

Con la fine del 2019 Euro NCAP, il consorzio internazionale che organizza i test sulla sicurezza delle auto più popolari in vendita in Europa, ha stilato la classifica dei...

Continua