Nuova Kia Sorento, l'ammiraglia SUV diventa solo ibrida

30 Oct 2020 Paolo Pirovano
Nuova Kia Sorento, l'ammiraglia SUV diventa solo ibrida

La Kia Sorento sin dal lancio del 2002 si colloca all’apice gamma di SUV e Crossover composta attualmente dalla Stonic, dalla XCeed e dalla Sportage. La quarta generazione è il primo modello sviluppato sulla piattaforma SUV globale per vetture di media/grandi dimensioni e lancia la famiglia dei motori ibridi Smartstream. Prosegue quindi la strategia di elettrificazione della gamma in Kia e per il mercato italiano saranno disponibili solo le versioni Full Hybrid e Plug-in Hybrid.

In comune hanno l’unita termica, il benzina turbo T-GDi (iniezione diretta di benzina con turbocompressore) da 1,6 litri, da 180 CV e 265 Nm di coppia. Questo viene affiancato da un motore elettrico da 44,2 kW/60 CV alimentato da una batteria al litio da 1,49 kWh. Sarà la prima disponibile in concessionaria con un listino di 44.500 euro per la versione a 2 ruote motrici in allestimento Business mentre le AWD hanno prezzi di 46.500 per l’allestimento Business, 50.5000 per la Style e  54.500 nel caso della Evolution . I consumi sono compresi, nel ciclo combinato WLTP, tra i 6,3 e i 6,7 lt/100 km per la 2WD con emissioni di CO2 tra i 118/124 gr/km; per la 4WD a seconda degli optional presenti si va dai 6,4 a 7,4 lt/100 km mentre la CO2 varia da 155/170 gr/km, sempre utilizzando gli stessi parametri.

Differente il discorso per la PHEV, l’ibrido con la spina, che mette a disposizione una potenza di sistema di 265 CV con 350 Nm di coppia, ottenuti aggiungendo una differente parte elettrica da 66,9 KW/91 CV e 304 Nm di coppia in questo caso alimentato da un pacco batteria ai polimeri di litio da 13,8 kWh. Arriverà nei primi mesi del 2021 e sono in corso le omologazioni per quanto riguarda i consumi, ma per l’autonomia in modalità elettrica si parla di una percorrenza superiore ai 50 km. Rientrerà così all’interno della fascia dell’Ecobonus dei 30-60 gr/km, avendo così diritto agli incentivi. La batteria mantiene la garanzia di 7 anni o 150.000 km, caratteristica tipica del marchio. In alcuni mercati è presente anche un motore diesel che non arriverà in Italia.

Dove Sorento cambia completamente è nel design, sul quale hanno lavorato tutti i centri stile della casa in Europa, Corea del Sud e Stati Uniti, collaborando per realizzare un prodotto che verrà venduto su tutti i mercati mondiali. Le linee della carrozzeria sono più nette e spigolose, soprattutto all’anteriore, mentre lateralmente prevalgono soluzioni orizzontali. I gruppi ottici posteriori sono squadrati ben inseriti in un portellone ampio.

È un SUV di grandi dimensioni con misure da segmento D, con una lunghezza di 4,81 metri ed un passo di 2,81, che ha permesso di sfruttare al massimo lo spazio disponibile all’interno, dove trovano posto 7 persone nelle classiche tre file, di serie su tutta la gamma nazionale. La presenza delle batterie non ha influito sulla capacità di carico con un bagagliaio da 810 litri (con l’ultima fila di sedili abbassati) o 175 litri nel caso di utilizzo del sesto e settimo posto a bordo, numeri che confermano la versatilità, indispensabile per questo tipo di veicolo. Questo è stato possibile grazie alla nuova piattaforma che fin dalla fase di progettazione ha previsto l’utilizzo delle soluzioni di alimentazione ibrida.

Le Sorento ibride hanno le quattro ruote motrici AWD che assicurano aderenza in ogni condizione della strada che porta la novità del Terrain Mode, un selettore che setta la vettura in funzione delle condizioni di utilizzo come in caso di fango, neve o sabbia. Lavora sul controllo elettronico di stabilità (ESC), sulla ripartizione della coppia su tutte e quattro le ruote e sui tempi di cambiata. La trasmissione è affidata ad un cambio doppia frizione a sei velocità.

All'interno il quadro strumenti è completamente digitale da 12,3” con nuove grafiche e quadranti dedicati all’informazione della gestione dei flussi di energia tra i due motori e permette di controllare lo stato di carica della batteria. Il sistema di infotainment touchscreen da 10,25 pollici consente l'integrazione completa e senza interruzioni dello smartphone con Apple CarPlay e Android Auto.

Sorento Plug-in Hybrid offre il massimo anche sui sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS) per aiutare a ridurre i pericoli ma anche per aumentare il comfort. Si aggiungono nel campo della sicurezza, il Multiple Collision Brake che interviene mantenendo la franata in caso di incidente per rallentare il veicolo ed evitare collisioni secondarie e il Blind Spot Rear Monitor sistema anti-collisione posteriore laterale.

Un’auto davvero globale ed una delle vetture più high-tech mai prodotte da Kia nei campi della connettività, assistenza alla guida e tecnologie infotainment con display digitali, grafiche avanzate e nuove funzionalità telematiche per smartphone.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

notizie correlate:

Renault Twingo, la cittadina diventa elettrica
Secondo noi

Renault Twingo, la cittadina diventa elettrica

24 Nov 2020 Cesare Gasparri Zezza

Renault Twingo, la piccola citycar transalpina ci aveva già mostrato la sua agilità nel muoversi anche nelle strade più strette e a parcheggiare negli spazi più piccoli;...

Continua
Peugeot 308 si rinnova la gamma
Secondo noi

Peugeot 308 si rinnova la gamma

16 Nov 2020 Paolo Pirovano

Con oltre 1,5 milioni di vetture prodotte, di cui oltre 100.000 vendute in Italia, la Peugeot 308 è un modello centrale nell’offerta della casa del Leone. Si occupa del...

Continua